Affidato il collaudo dei Capannoni della zona artigianale

(MADONIELIVE.COM – Giuseppe Spallino) Ancora lavori per la zona artigianale. Una storia lunga che parte da quando la costruzione dell?insediamento venne affidata all?Associazione temporanea di imprese Cataldo Farinella ? costruzioni Siino s. r. l. ? So. ge. me. s. p. a. ? Todaro geom. Giacomo. I lavori ebbero inizio il 3 agosto 1992 e sono stati sospesi il 30 maggio 1993 a causa di un?indagine giudiziaria. Le opere realizzate consistono nei tre corpi C (Capannoni) con uguali caratteristiche strutturali e nel muro di controripa alle spalle degli stessi. L?Amministrazione comunale è intenzionata a ?provvedere al collaudo statico delle opere strutturali realizzate nell?ambito dei suddetti lavori, al fine di procedere all?assegnazione dei capannoni alle ditte artigiane che ne hanno fatto richiesta?. La scelta del professionista, a cui è stato affidato l?incarico per il collaudo statico dei capannoni è ricaduta nell?ing. Maurizio Moscoloni di Palermo. L?importo è di 12.217,86 euro ?compreso ogni onere e tasse?.

1 commento

  1. E bravo . . . bravo al Signor Sindaco “uscente”, Mario Cicero, e bravissimo al Dottor Ingegnere Maurizio Mascoloni da Palermo che dovrà esperire il collaudo “statico” (o stitico ?) postumo alla esecuzione dei lavori per la misera moneta di 12.217, 86 Euro. Un dottore dell’ ingegno, insomma, il quale dovrà attestare che le opere che collauderà sono state eseguite secondo le riconosciute, adottate e fatte osservare in corso d’ opera, regole dell’ arte (del costruire). Intrapresa alla luce della mia esperienza in terra di Germania e Svizzera non certamente facile per l’ illustre dottorato. Tutto questo dopo il secondo “trantiliuni della magnitudo 5.4 della Scala Ritter in quella penisola a forma di stivale nella quale ad una certa profondità della crosta continentale, con andamento ovest-est (passando sotto le mura di Ypsigro-new e attraversando longitudinalmente il gambale e la coscia dello stivale con repentina curva destrorsa in quel del Friuli)) si baciano teneramente la placca africana e la placca euro-asiatica. Dal loro bacio, più o meno intenso, hanno luogo quelle scosse simiche o telluriche (sussultorie e ondulatorie), donde gli esperti a parlare di “pericolosità sismica di un’ area intesa come probabilità che, in un certo intervallo di tempo, essa possa essere interessata o meno da forti terremoti che possono produrre danni”. Meno male che sulla vulnerabilità per gli esperti italiani non c’ è da allarmarsi. Perché ? Poiché “le norme edilizie antisismiche, in uno con i progressi conseguiti per quanto attiene la Scienza delle Costruzioni, hanno consentito la realizzazione di edifici in conglomerato cementizio armato “depotenziato” (in Italy si chiama “cemento armato”, quindi immaginiamo di armare un sacco di cemento, senza inerti, con un paio di tondini di ferro irruginito e così otteniamo i risultati conseguiti nelle gallerie dell’ autostra PA-ME, denunciate da questo sito. Abbasso il Fascismo !) con struttura “a gabbia” (d’ uccello), ossia – sostengono i Pereira-esperti italici – “con travi e pilastri solidamente incastrati fra di loro sì da formare una sorta di gabbia che oscilla sotto l’ azione delle onde sismiche, che smorzando così l’ inerzia e riducendo il rischio dei crolli”. Alla faccia del cavolo, Signor, Dottor,Ingegner: occorrono da 5 a 6 anni (laurea specialistica), da 1 a 3 anni di baccellierato (bachelor) per vomitare queste cose ? Tranne che, poi, non vengano i geometri-laureati a mettere le cose a posto. Io sono dell’ avviso che l’ odiern declassamento della Fitch, dopo quello di Standard & Poor’s, esprime quello che deve esprimere sull’ Italy del presidente “buono”, Giorgio Napolitano (oggi si è commosso 2 fiata), del Beluskaz (il Bossi di una volta), del Prof. Monti & Co. Ma anche del Sindaco “uscente”, e forse “entrante” sotto altre spoglie, Signor Mario Cicero, alle prese con il suo “spendi & spandi” senza risultanze di qualità. Interpreta, così bene, il “vostro”, l’ anima “vera e autentica” del Pd locale, regionale e nazionale ? Ai posteri l’ ardua sentenza, ma anche ai castelbuonesi che, illuminati da una loquace e presente, ma smembrata opposizione, andranno a depositare il loro afflato per il Signor Giuseppe Norata, Sindaco “entrante”, magari con contorno di lista civica condita dalla presenza di qualche coraggioso ex dc ancora in vena di fare danni. Ahi . . . ahi . . . ahi . . . soleva dire spesso il compianto Mike Bongiorno nel corso dell’ indimenticale trasmissione “Lascia o Raddoppia allorché qualche partecipante sbandava. E noi cosa diciamo o scriviamo ? Silentium est aurum, specialmente per chi dovrebbe dire e fare qualcosa e non la dice, né la fa. Perché ? Cu fu, Vicè ? ‘U llu sacciu. No, Pè: fu l’ uossu ‘u braccocu.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.