Albergo Milocca. Il presidente del DiVino chiede a Crocetta di intervenire e di accogliere la proposta di Nicola Fiasconaro

divino milocca[Riceviamo e pubblichiamo]La struttura dell’ex Albergo Milocca è ormai uno spettro nella montagna. Anzi, più che uno spettro è una tana per i cinghiali. Gli organizzatori del DIVINO FESTIVAL dicono di no a questo scempio.

La struttura ha favorito negli anni lo sviluppo turistico delle Madonie, in particolare di Castelbuono, e non può e non deve essere ceduta ad un qualsiasi imprenditore di cui non conosciamo i progetti. Per questo l’Associazione appoggia in toto la proposta di Nicola Fiasconaro: la creazione di un’ Accademia Culinaria, che possa garantire ai giovani una possibilità diversa rispetto all’abbandono della propria terra.

Si è detto tanto, ma appunto si è solo detto: i nostri rappresentanti alla Provincia e alla Regione sono sordi a qualsiasi richiamo di sviluppo della loro e nostra terra e noi siamo stanchi. Chiediamo al Presidente della Regione Crocetta di non continuare a chiudersi tra le quattro mura del suo ufficio, ma di venire a constatare di persona le condizioni in cui versa la struttura e di accogliere una proposta che possa valorizzare ciò che serve a questa terra per continuare a crescere. L’ Accademia potrebbe non solo offrire ovvie opportunità di lavoro, ma anche valorizzare i prodotti tipici locali, favorendo uno sviluppo del turismo gastronomico, che negli ultimi anni ha sempre più preso piede nelle varie regioni.

L’Associazione, organizzando ogni anno il Castelbuono DiVino Festival, ha iniziato già da tempo a portare nella nostra realtà eccellenze nell’ambito della gastronomia e, ovviamente, dell’enologia e collabora fianco a fianco con l’azienda Fiasconaro. Pensiamo, quindi, che la formazione di una Accademia che formi i giovani e offra loro una prospettiva lavorativa possa essere una ottima occasione per la crescita del territorio.

Dario Guarcello, Presidente dell’Associazione organizzatrice del DIVINO FESTIVAL in proposito ha espresso idee molto chiare:”L’accademia Castelbuono la merita, la merita la comunità, la meritano i nostri cuochi, i nostri camerieri, i nostri addetti alla ristorazione che, in generale, hanno sempre tenuto alto il livello e la professionalità che pochi posti come il nostro riescono ad esprimere. Bisogna che la politica prenda una posizione importante in tal senso e che vengano a Castelbuono a darci risposte serie per contribuire alla crescita del territorio ”

L’auspicio è quello di vedere un cambiamento delle recenti politiche provinciali e regionali in materia di turismo, con scelte che devono dimostrarsi lungimiranti e fondate su una vera ricerca di formazione e sviluppo, abbandonando le vecchie logiche clientelari.

L’Associazione , dedita all’eccellenza enogastronomica è quindi pronta a favorire e a sostenere il progetto di Nicola Fiasconaro, sperando che le nostre non rimangano voci inascoltate, ma che le istituzioni, da quelle locali a quelle “palermitane” possano essere pronte all’ascolto e a valutare seriamente la proposta, senza false promesse.

Invitiamo l’amministrazione locale, le associazioni e gli addetti ai lavori a scrivere e far emergere il problema che tanto ci coinvolge come comunità.

Invitiamo inoltre i giornalisti enogastronomici e non solo, le associazioni di categoria e gli appassionati della buona cucina a far sentire la vostra voce con tutti i mezzi possibili.

Castelbuono è una perla, noi vogliamo che continui a brillare sempre più.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.