Anche a Geraci giornata di solidarietà e di sensibilizzazione per la ricerca sulla sclerosi multipla

Anche quest’anno, il 5 e 6 marzo, la comunità di Geraci Siculo è stata generosamente a fianco dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM), per l’iniziativa “DON(n)A  la Gardenia di AISM”. Grazie alla collaborazione tra la Parrocchia Santa Maria Maggiore di Geraci Siculo e il gruppo di volontari della Caritas Parrocchiale, è stata allestita nei locali parrocchiali di Piazza del Popolo la vendita delle piante di gardenia.
Geraci Siculo è stata, così, una delle oltre 5.000 piazze italiane dedicate all’ormai consueta iniziativa di raccolta fondi, il cui ricavato sarà destinato principalmente al finanziamento di progetti di ricerca volti a combattere la sclerosi multipla pediatrica. Previsto, comunque, il finanziamento anche di progetti dedicati alle donne e ai giovani, alle coppie e alle famiglie, nonché l’organizzazione di convegni informativi e collane editoriali, studiati per rispondere a quesiti e problemi che si presentano nella vita quotidiana, sociale, sanitaria e lavorativa di chi si trova a convivere con la sclerosi multipla.
L’AISM è un’organizzazione che da oltre 45 anni si occupa di sclerosi multipla, rappresentando ormai il punto di riferimento per le circa 75 mila persone interessate da questa malattia e per i loro familiari. Cronica, imprevedibile e spesso invalidante, la sclerosi multipla è una patologia grave del sistema nervoso centrale. Viene diagnosticata per lo più tra i 20 e i 40 anni e le donne ne sono colpite in numero doppio rispetto agli uomini. Dal 1998, l’AISM è affiancata anche dalla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla ONLUS, istituita con lo specifico obiettivo di sostenere la ricerca scientifica sulla patologia e costruire un futuro libero dalla sclerosi multipla.
La comunità geracese ha risposto in maniera molto generosa all’iniziativa. Sono state vendute in poco tempo, infatti, tutte e 56 le piantine che erano a disposizione della piazza geracese. Un risultato straordinario e al di là di ogni aspettativa, che ha riempito di soddisfazione il Parroco, Don Francesco Sapuppo, e tutte le volontarie della Caritas. “Siamo orgogliosi del successo dell’iniziativa – ci dice il Parroco – che testimonia ancora una volta l’attenzione della comunità parrocchiale di Geraci verso i fratelli e le sorelle che soffrono. I cristiani devono essere uomini e donne di speranza e nel nostro piccolo cerchiamo di testimoniarlo anche con questi gesti di solidarietà che fanno bene al cuore e all’anima. La misericordia dell’Anno Santo si concretizza anche in questi segni importanti, che non devono mai mancare in un’autentica comunità di fedeli”.
Per chi non avesse fatto in tempo ad acquistare la gardenia, è attivo fino al 13 marzo il numero 45504, che si può chiamare da rete fissa o a cui si può inviare un sms, per dare il proprio contributo alla ricerca. Tutte le informazioni si possono trovare su www.aism.it.

Antonio Anatra

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.