Ancora sulle casette in legno nel corso… La protesta continua

La protesta di ieri ha mostrato la sua coda: siamo stati contattati via mail dal sig. Prestianni, che ha deciso di “dichiararsi” aggiungendo un ancor più esplicito e veemente messaggio contro le “baracche” (e contro il sindaco). Inoltre stamane una nuova lettera, di cui vi alleghiamo foto in basso, è affissa nelle tre casette tra il corso e la piazza Castello.


Gentilissimo Sig. Tumminello non posso chiamarla “sindaco” perché come primo cittadino lei non ha minimamente rispetto ne per la sua comunità ne tanto meno per le bellezze che i ns. avi ci hanno tralasciato. Mi riferisco ancora una volta a quelle baracche che con il suo consenso vengono montate in via S.Anna e che ostruiscono la bellezza di via S.Anna e la visione di porta Castello che lei, con arroganza e incompetenza, priva a noi CASTELBUONESI. Si ricordi che l’arte non è un laboratorio di biscotti o di taralle con tutto rispetto per gli operatori del settore. Porta Castello è un bene della comunità (forse anche dell’UNESCO ) si vergogni pubblicizzerò questo SMS con relative foto “pro e post”, operare lo manderò sul sito di Vittorio Sgarbi uomo d’arte e di grande rispetto. Si vergogni, ripeto si vergogni, lei non merita minimamente rispetto.
Antonio Prestianni

 

 

lettera-casetta