Aperte le iscrizioni al Cantiere ?Cittadini del villaggio globale?

Castelbuono (PA) 26 maggio. Dal 25 luglio al 2 agosto, nella splendida cornice del Parco delle Madonie, nel comune di Castelbuono (PA) e con giornate a Barcellona Pozzo di Gotto e Messina, l?associazione “Vivi e lassa viviri”, in collaborazione con LVIA Palermo e il Centro servizi volontariato di Palermo (Cesvop) offre ai giovani una settimana densa di approfondimenti e dibattiti sulle tematiche economiche, sociali, culturali, politiche, religiose, che ci coinvolgono in quanto cittadini del mondo.

Il Cantiere di educazione alla pace e alla mondialit?, giunto alla quarta edizione, si svolge con il patrocinio del comune di Castelbuono e dell?Ente Parco delle Madonie.
Una settimana per riscoprire e valorizzare le proprie potenzialit?, per fortificarsi nella relazione con l’altro con l?accompagnamento di educatori ed esperti di settore e attraverso l?esperienza diretta delle attivit? di associazioni che lavorano quotidianamente sul territorio con azioni di solidariet?.
La finalit? del Cantiere ? di portare i giovani ad acquisire la consapevolezza di una nuova cittadinanza mondiale e delle possibilit? che ognuno di noi, in qualit? di cittadino del mondo, ha a disposizione nella prospettiva dell?impegno per la pace.
Vito Restivo, responsabile LVIA Palermo, ci spiega: ?A fronte di tutte le problematiche che in questi giorni stiamo vivendo in Italia e nel mondo: dal problema rifiuti all’intolleranza verso lo straniero, dalle vicende incresciose di microcriminalit? alle precarie condizioni di lavoro di milioni di giovani, dall’emergenza casa alle morti bianche, dai salari bassi all’aumento del costo dei cibi, dall’antipolitica all’acuirsi degli integralismi, da una iniqua distribuzione della ricchezza alla crisi energetica auspichiamo che la settimana possa essere un tempo utile e importante per costruire percorsi di speranza alternativi ai modelli socio-economici imperanti nel mondo e soprattutto per acquisire fiducia nelle proprie possibilit? di cambiamento per uno stile di vita pi? sobrio e pi? rispettoso della dignit? umana. Il metodo sar? il confronto leale, il dare spazio ai vari punti di vista, l’ascolto delle opinioni altrui e poi il discernimento nel profondo della propria coscienza?.
Lungo questo percorso i giovani saranno accompagnati da Carlo Romano gi? ricercatore presso la facolt? di Scienze della Formazione dell’Universit? di Palermo, il giornalista Gianni Min?, Maurizio Pallante Presidente del Movimento per la decrescita felice, il monaco buddista Gyosho Morishita, il direttore dell?Istituto Arrupe P.Gianni Notari, Chicco Alfano figlio del giornalista Beppe Alfano ucciso dalla mafia, il deputato Leoluca Orlando, Gianfranco Cattai responsabile LVIA Italia e tanti altri, come la Rete Lilliput, la Caritas e l?associazione ?No ponte? che accompagneranno l?incontro con le comunit? rom di Messina.
Il cantiere ? aperto a giovani di et? compresa tra i 18 e i 30 anni.
Le iscrizioni sono aperte fino al 6 luglio: la scheda per la richiesta d?iscrizione, scaricabile dal sito www.lvia.it, dovr? essere spedita al Centro di Servizi per il Volontariato di Palermo, Via Maqueda 334 ? 90134 Palermo con oggetto: Proposta di iscrizione al Cantiere ?Cittadini del villaggio globale?. ? necessaria la preiscrizione, inviando un?e-mail a: sicilia@lvia.it con oggetto: Proposta di iscrizione al cantiere ?Cittadini del villaggio globale?. La quota di iscrizione ? di ? 40 e dovr? essere versata prima dell?inizio del campo, tramite bollettino di C/C postale n.14343123 intestato a LVIA, causale: Cittadini del Villaggio Globale. Non ? dovuta nessuna quota campo.

Avvertenze ai sensi del D.Lgs. 196/2003
Le informazioni contenute in questo messaggio ed in eventuali allegati, sono da considerarsi strettamente riservate.
Il loro utilizzo ? consentito esclusivamente al destinatario del messaggio, per le finalit? indicate nel messaggio stesso.
Qualora riceveste questo messaggio senza esserne il destinatario, Vi preghiamo cortesemente di darcene notizia via e-mail e di procedere alla distruzione del messaggio stesso, cancellandolo dal Vs. sistema; costituisce comportamento contrario ai principi dettati dal Dlgs.196/2003 il trattenere il messaggio stesso, divulgarlo anche in parte, distribuirlo ad altri soggetti, copiarlo, utilizzarlo per finalit? diverse.
Obbligo di informativa assolto ai sensi dell’art. 13, art. 24, D.Lgs. 196/2003