Biblioteca. Proiezione “Un Juornu avanti” girato nelle Madonie

Sabato 15 Novembre alle ore 17.30 presso la sala delle Capriate, sarà presentato il medio-metraggio girato interamente sulle Madonie con la partecipazione di tanti giovani e adulti del comprensorio e la gentile collaborazione di alcuni nomi di spicco del panorama artistico regionale quali: Ferdinando Gattuccio e Salvo Piparo. L’idea è frutto di un lavoro durato più di un anno iniziato con una lunga fase di ricerca storica e di approfondimento tecnico nel campo cinematografico. Il medio-metraggio racconta una storia verosimile ambientata agli inizi del Novecento.

Dalle Madonie il protagonista decide di emigrare negli Stati Uniti di America. Una scelta drastica e sofferta che però è costretto ad accettare. Uomo semplice ed ingenuo, contadino laborioso con forte attaccamento alle sue origini e alla sua Terra, dopo la morte del padre matura la consapevolezza che in Sicilia le condizioni sociali ed economiche lo portano a condurre una vita fatta di stenti e di prepotenze. Incoraggiato dalla speranza di trovare fortuna nel continente americano parte lasciando, con amarezza, il calore umano della famiglia e la genuina solidarietà dei suoi cari. Adempite le procedure burocratiche per poter emigrare, l’ interprete della storia, “U juornu avanti” ovvero il giorno prima di partire, manifesta il suo travaglio interiore e sentimentale.
Protagonisti dell’iniziativa sono l’Associazione Pro-Petralia “F.Tropea”, Il gruppo “MiTerra Videolab” .
Il progetto, realizzato anche grazie alla collaborazione dell’Agenzia Nazionale Giovani nell’ambito del programma Europeo “Gioventù in Azione”, propone dunque di mettere in risalto la problematica dell’emigrazione in tutti i suoi aspetti; mira ad educare al rispetto dei migranti facendo osservare ciò che hanno subito i nostri antenati; nel contempo vuole offrire ai partecipanti un edificante spunto creativo mediante l’esperienza cinematografica.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.