Calici di poesia a Isnello 2019. Venerdì 19 serata di eccellenze castelbuonesi

LINGUAGGI, TERRITORI E PERSONE SI INCONTRANO CON LA POESIA

È iniziata in maniera spumeggiante ed emozionante la seconda edizione di Calici di poesie a Isnello. L’edizione 2019 si caratterizza per una proficua sinergia di esperienze che stimolano il confronto umano e che coinvolgono, rendendolo protagonista, il territorio madonita. Il cielo stellato e la poesia possono unire e legare in maniera più lungimirante e proficua rispetto a qualunque altro disegno. Apprezzata e proficua l’unione di intenti tra l’ideatore della kermesse, Antonino Schiera, legato a Isnello e affezionato alle Madonie, l’Amministrazione comunale di Isnello, da sempre attenta a un sano sviluppo culturale, l’attivissima ProLoco locale e, da quest’anno, l’Ass. “Amici del Museo Civico di Castelbuono”. A dimostrazione che la Cultura non conosce confini e dimensioni ma si pasce e nutre della forza, della buona volontà e dell’entusiasmo di chi crede in essa e sa vedere oltre la propria piazza o il proprio giardino. Perché se di “movimento” culturale c’è bisogno e ad esso bisogna puntare, è necessario sapersi venire incontro, dialogare, tessere trame per un tessuto locale ricco e migliore.

La serata del prossimo 19 luglio nasce da questo spirito e vedrà avvicendarsi nel salotto “alla siciliana”, allestito per impreziosire ulteriormente la già suggestiva cornice di Piazza Giovanna D’Arco, anfiteatro naturale caldo e raccolto, belle eccellenze del panorama culturale castelbuonese, onorate dell’ospitalità isnellese. Scambio di versi e note animato dalla poetessa castelbuonese Cinzia Pitingaro, che tanto lustro sta contribuendo a dare alla sua cittadina con un estro poetico multiforme, trasversale e molto apprezzato nel panorama poetico contemporaneo, impreziosito dalla virtuosa bravura dei Maestri Alessandro Barrovecchio e Nicola Rocco.

Versi, lingua, dialetto, temi, attualità, storia, tradizione, note distese su sottili crini e pompate nell’aria da un mantice risuoneranno per far vibrare tanti cuori vicini e accordati all’unisono. E sarà così che ogni pietra sarà ancor più viva e ogni stella potrá ancor più brillare. L’invito dunque è a partecipare numerosi e a spargere la voce per contagiare di poesia. Perché la poesia è in ogni luogo e in ogni luogo si può fare e attraverso la poesia si può avviare una sana e partecipata riflessione civile. Perdere l’occasione di allietarsi con simili serate è un peccato e un’opportunità di meno per accrescere la propria sensibilità d’animo. Che la poesia torni nelle piazze, nelle case, nelle corti dei castelli e per le strade, dunque. In un mondo così socialmente liquido e frenetico, torniamo ad ascoltarci e soffermiamoci ad ascoltare. Appuntamento per venerdì 19 luglio alle ore 21.30 in piazza Santa Giovanna D’Arco. Non mancate!

Luciana Cusimano

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.