Cantieri di lavoro per tamponare la crisi. Ulivo: “Le nostre, concrete proposte contro la crisi”

CANTIERI DI LAVORO PER TAMPONARE LA CRISI
Tra le nostre proposte per tamponare la crisi e favorire lo sviluppo diffuse qualche giorno fa, avevamo inserito al 16° posto dell’elenco la realizzazione, d’intesa con gli altri Comuni, di cantieri di lavoro, presentando l’istanza di finanziamento alla regione dei progetti già predisposti.

La Regione ha deciso di farlo con un finanziamento di 50 milioni. A dispetto di quanto non hanno creduto, le nostre erano proposte concrete. Ecco cosa riporta sul punto la stampa.

Su proposta dell?assessore al Lavoro Ester Bonafede, infatti, è stato autorizzato un piano straordinario di cantieri di servizio, prevedendo uno stanziamento di 50 milioni di euro. Destinatari delle risorse saranno i Comuni che presenteranno piani di utilizzo lavorativo, che includano per il settanta per cento giovani disoccupati, e inoccupati, nella fascia entro i trentacinque anni, e per il trenta per cento ultra cinquantenni esclusi dal mercato del lavoro.

?L?occupazione stimata ? si legge in un comunicato della Presidenza della Regione ? è di ventimila unità per tre mesi. Le risorse saranno distribuite ai Comuni in proporzione agli indici di disoccupazione e inoccupazione del territorio comunale competente. Il compenso lavorativo che riceveranno i beneficiari sarà determinato in base a quello attribuito ai cantieri di servizio previsto dalla legge regionale 5/2005?.

?Questa prima misura di intervento straordinario per la lotta contro la povertà in Sicilia ? hanno dichiarato Crocetta e Bonafede ? che sarà estesa con le variazioni di bilancio, darà un po? di respiro alla crisi occupazionale, in attesa dell?imminente partenza delle zone franche urbane e di una serie di interventi produttivi previsti con lo sblocco della spesa europea?.

L’Ulivo per Castelbuono

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.