” Carnevale ? vita “, satire, canti e poesie.

“A CASTELBUONO, a quanti spendono un attimo della propria vita petr suscitare in altri un sorriso e a quanti, con abnegazione, mantengono in vita le tradizioni popolari.” Queste sono le parole che si leggono nella primissima pagina del volume unico curato dal Dott. Francesco Incaprera, autore lo scomparso Giovanni Incaprera, papà del dottore, edizioni Arianna. Per chi non lo sapesse è la meticolosa raccolta di tutte le satire pensate e vissute intensamente dall’autore che, pur con la sua cultura elementare, riesce a penetrare l’animo umano al fine di correggerne l’eventuale difetto con il bisturi della satira. E’ una satira fine e mai volgare quella di Giovanni Incaprera, è la ricerca continua di un uomo migliore, di un uomo sempre dedito al bene altrui e giammai al proprio tornaconto. E’ riuscito in questo intento? Non è dato sapere; ma lui ha provato! E poi la maniera in cui parla della famiglia crea, nel lettore attento, la spinta verso rapporti e affetti più profondi verso il prossimo. Mi piace fare una raccomandazione: LEGGETE questa opera, è un insegnamento di come fare satira. Anche per il sottoscritto. Buona lettura. Cesare Fiasconaro.

1 commento

  1. CONCORDIAMO CON IL GRANDE MAESTRO CESARE!!!AVENDO GIA’ LETTO L’OPERA ANCHE NOI LA SUGGERIAMO UN PO A TUTTI COLORO CHE VOGLIONO INTRAPRENDERE LA STRADA DELLA SATIRA E DEL VEGLIONE!!! MA ANCHE A TUTTI COLORO CHE QUESTA TRADIZIONE A SUSCITATO PASSIONE,INTERESSE O SEMPLICE CURIOSITA’

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.