“Caro Sindaco”. Le dimissioni di Carmelo Mazzola

 Caro Sindaco, con la presente Ti comunico le mie irrevocabili dimissioni da Assessore, ringraziandoti per la fiducia accordatami successivamente alle dimissioni dell’Assessore Brancato, così come da accordi presi in precedenza, sicuro di aver dato il mio fattivo contributo per l’attuazione del programma presentato agli elettori, pur in presenza di gravi fatti di carattere politico ed economico, non prevedibili all’inizio dell’esperienza di cinque anni fa. 

Perché queste dimissioni a soli tre mesi alla fine della consiliatura? Vi sono delle motivazioni di carattere politico accadute soprattutto nell’arco dell’ultimo anno e motivazioni personali a seguito dell’attuazione di un punto programmatico fra i più importanti qual è l’assegnazione, dopo trent’anni, dei lotti dell’area artigianale alle imprese locali. 

Politicamente due sono state le motivazioni che sono alla base di queste dimissioni: 

1) Una valutazione diversa del ruolo del Sindaco, vista da me come coordinatore di un gioco di squadra, come ispiratore di uno scambio continuo di conoscenze e di esperienze in un luogo istituzionalmente previsto quale è la giunta. Da parte tua, pur avendo dato sicuramente il massimo delle tue capacità e del tuo tempo per l’interesse del Paese, hai avuto, secondo me, più attenzione al ruolo di Sindaco e non a quello collegiale della Giunta. 

2) Alla vigilia del rinnovo del consiglio comunale mi sarei aspettato, cosa che ho sollecitato più volte, una più approfondita analisi sul perché dell’abbandono di questa maggioranza da parte di una pluralità di componenti ( Assessori, Consiglieri Comunali, Candidati, Semplici Sostenitori) che non rendono facile la possibilità di una nuova vittoria senza la ricerca di alleanze e senza mettere in discussione la ricandidatura a Sindaco della tua persona. Ma tutto è stato vano, pur avendo lavorato per raggiungere questo obbiettivo. 

3) Le due motivazioni politiche, essendo di parte e non essendo state condivise né da Te né da altri Assessori, né dal grosso del movimento difficilmente, da sole, mi avrebbero portato a presentare le dimissioni. Avrei certamente concluso il mandato, chiudendo così la mia lunga carriera politica. 

Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il tuo intervento a gamba tesa sui componenti, la Giunta e la Commissione che doveva stilare la graduatoria e fare una proposta di assegnazione dei lotti dell’area artigianale. 

Il sottoscritto non ha ritenuto accettabile né condivisibile questo tuo intervento, né quanto affermato in alcuni colloqui telefonici. 

La mia serietà non può essere messa in discussione da nessuno. Nella mia lunga carriera politica ho fatto sicuramente tanti errori, ma ho agito, sempre, con onestà e nell’interesse del mio paese che ho amato e continuerò ad amare. 

In conclusione ti rivolgo i più cordiali auguri per la tua carriera politica, con un suggerimento: ascolta di più gli altri e fai più squadra. 

Castelbuono 13/02/2017 

f.to 

Carmelo Mazzola

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.