Castelbuono in Comune: “1 mln di € per interventi strategici e misure di sostegno a imprese, professionisti e famiglie”

DOCUMENTO DI INDIRIZZO POLITICO DI CASTELBUONO IN COMUNE

L’analisi della situazione attuale è ben lontana dai consueti programmi elettorali … un situazione che nessuno avrebbe potuto immaginare. Si parlava della crisi economica di un territorio, di un’isola, del sud che più di altri subisce la negativa congiuntura economica che penalizza le nostre poche e piccole aziende, con la “globalizzazione” che aggrava i nostri deficit strutturali e la concorrenza di Amazon che mette fuori gioco molte attività tradizionali.

E continuavamo nell’evidenziare come subiamo in Sicilia una “mancata” cultura della legalità, che spesso si limita alle apparenze e alle formalità di rito, senza effettiva sostanza della legalità. D’altronde, forse, non ci può essere vera legalità senza vero sviluppo, senza occupazione.A fronte di un’analisi realistica ma non rassegnata, certamente complicata, difficile ma sfidante, avevamo iniziato un cammino con l’ Amministrazione comunale passata che proponeva diverse azioni che avrebbero potuto portare all’obiettivo di cambiare, risanare e rilanciare il comune di Castelbuono per farne veramente e non a chiacchiere una paese che poteva essere la Svizzera del Sud, ed esempio da imitare per la nostra Sicilia.Adesso ci troviamo a dover riscrivere, non solo l’analisi della situazione economico-sociale del nostro territorio, ma anche a riflettere sulla storia dell’intera umanità in cui l’Italia ha sacrificato in questi pochi mesi le vite di moltissimi uomini e donne nella lotta contro una pandemia, un fenomeno epidemico del virus chiamato COVID–19.

Sebbene ci sarà – nel nostro futuro – un prima e un dopo COVID-19, l’impegno e la nostra determinazione di  risollevare la nostra Comunità da questa gravissima situazione in cui siamo stati catapultati è più che mai forte e determinato. Ci siamo preoccupati di chiedere di salvare la vita dei nostri cittadini, proteggendone la salute con misure straordinarie e continuiamo a farlo, di chiedere azioni di sostegno alle famiglie in difficoltà, ma riteniamo che le stesse siamo insufficienti, ecco perché chiediamo che vengano previste subito le somme che la Regione Sicilia ha stanziato (175.000). Ma dobbiamo occuparci subito – in maniera straordinaria – di contribuire a mettere in salvo l’esistenza delle attività produttive del Paese e, in particolare, dei nostri territori, già logorati da una crisi economica sia nel settore produttivo, sia turistico , che commerciale e professionale.Tutte le misure economiche e sociali che sono e saranno disposte a tutti i livelli istituzionali devono avere a riferimento la necessità che la situazione iniziale di sconforto e incertezza lavorativa possa e debba trasformarsi in un’opportunità di rilancio. In questo quadro chiediamo di stanziare tutte le risorse che il comune ha (ovvero 1.000.000 di Avanzo di Amministrazione) per far fronte a questa emergenza.

Serve dare contributi concreti per tutte le piu di 200 attività produttive di Castelbuono utilizziamo le RISORSE DEI CASTELBUONESI  per perseguire con più forza, aggiustando il tiro delle azioni dell’amministrazione, tutti gli obiettivi posti per lo sviluppo del territorio, non dobbiamo arretrare davanti a questa nuova e ardua sfida, non dobbiamo perdere nessuno, non possiamo permetterci che qualcuno resti nello sconforto e non riprenda la propria attività di prima con più slancio.Proprio sulla scia di queste riflessioni ma anche raccogliendo in sede politica e sociale una crescente domanda d’aiuto, il gruppo consiliare Castelbuono in comune ha elaborato un documento che prevede:un aiuto alle piccole imprese commerciali,  artigianali, di rappresentanza nonché per le strutture alberghiere e di somministrazione ( Bar, Ristoranti,  pizzerie, gastronomie, rosticcerie etc ) colpite dall’emergenza Covid 19.Tale proposta è stata pensata in quanto è palese che il lockdown imposto da diversi provvedimenti del Governo nazionale e di quello Regionale hanno colpito tutte le predette attività in modo durissimo, mettendo seriamente alla prova la capacità di resistenza delle medesime.
Un aiuto per tutte le associazioni no profit che nel tempo con iniziative culturali di valore hanno fatto grande il nostro paese (un sostegno che tenga conto delle spese già affrontate e i contratti in essere e per i quali si dovrà  pagare una penale). Un aiuto per i professionisti ingegneri, architetti, geometri, avvocati.. 
Un aiuto per la sanificazione e messa in sicurezza degli ambienti di lavoro privati e pubblici, tale che possa portare il nostro paese ad essere COVID 19 compatibile.
Innanzi a tutto ciò, non si può rimanere fermi. Il Comune deve fare la propria parte fino in fondo nella imprescindibile attività di aiuto al sistema produttivo piegato dalla crisi sanitaria più imponente dell’ultimo secolo. Non può continuare SOLTANTO  a chiedere allo Stato e alla Regione Siciliana, che mi sembra per quanto di rispettiva competenza, hanno fatto la propria parte e  certamente dovranno continuare a farla mettendo in campo ingenti risorse utili a salvaguardare il sistema produttivo ed al contempo assicurare uno sviluppo duraturo, ma il Comune deve fare la propria.Ecco quindi, per quanto possa apparire strano in questo momento, l’emergenza da Coronavirus può divenire un’occasione non solo per ripensare il nostro stile di vita ma anche per impostare un modello di sviluppo socio/economico, in grado di assicurare equità e crescita costante, nel rispetto dell’ambiente, delle vocazioni del territorio e in ultima analisi dell’essere umano, ed i nostri territori delle aree interne potranno giocare un ruolo importante.
Certamente il recupero della credibilità della Politica può e deve iniziare dal comune, ovvero dall’ente di maggior prossimità.Del resto ci chiediamo,  sarebbe corretto far gravare il peso di quest’emergenza, che ha imposto la chiusura alle imprese commerciali, artigianali e di somministrazione ed ai lavoratori autonomi  inoperosi , perché impostogli dalle autorità? La risposta unanime credo che sia un <<no>> secco e deciso.

Non solo è corretto ma è doveroso – nel rispetto delle disposizioni normative – che il Comune metta in campo tutte le risorse disponibili, a favore  dei cittadini che non hanno prodotto.L’Amministrazione si deve porre sullo stesso piano del Cittadino/contribuente e mai al di sopra dello stesso, in questo caso più che di un aiuto si tratterebbe di ristabilire il corretto equilibrio nei rapporti.Ecco quindi che l’aiuto alla comunità passerà per uno sviluppo armonioso del nostro territorio dove i protagonisti del successo della nostra comunità di ieri saranno se sostenuti dall’amministrazione comunale gli attori di un nuovo sviluppo della nostra comunità fatto di una vicinanza più distanziata, in un ambiente sano esteriormente ed interiormente.


CASTELBUONO IN COMUNE

IL COORDINAMENTO E IL GRUPPO CONSILIARE 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.