Castelbuono in Comune. “Secondo tempo: dopo la distruzione si tenta la ricostruzione. A tutti i costi”

Stesso copione di sempre. Tutte le volte che comincia a franare il terreno sotto i piedi , ricomincia puntuale la fase della ricostruzione. La ricerca di consensi ad ogni costo. E quindi completato il ciclo dei consoli,  proconsoli,ambasciatori, consulenti, esperti e via discorrendo si passa alla intitolazione di strade, plessi ( non importa se aperti o chiusi), piazze e perfino vicoli. 

Un po’ come accadde qualche anno addietro con le bretelle della zona artigianale. Senza alcun criterio, senza nessuna logica politica o storica. Un esempio: se oggi l’On Gino Carollo fosse vivo avrebbe scelto il plesso San Paolo edificato in una zona del paese storicamente rossa o San Leonardo edificato a sua volta in zona più neutra? Ma chi se ne frega! Interessante che si intitola e un luogo vale l’altro. La storia è un’altra cosa. Non ci meraviglieremo, in questa campagna di ricerca di consens , una seconda proposta di cittadinanza onoraria (si può fare?) all’ingegnere Lena visto che lo stesso, in un recente articolo ha espresso il desiderio di “sentirsi” ancora castelbuonese… Vedremo.