Castelbuono ripudia l?illegalità e la delinquenza!

Prima l?arresto della banda dei rapinatori di ville e appartamenti, poi quella dei ?coltivatori? di droga; certo che negli ultimi tempi alcuni ?castelbuonesi? e non, stanno facendo veramente ?onore? alla nostra cittadina?! O forse sono le forze dell?ordine che stanno facendo un ottimo lavoro? Molto probabilmente sono vere entrambe le cose. Comunque sia, dobbiamo essere orgogliosi degli uomini della pubblica sicurezza (carabinieri, polizia,?) perché con il loro continuo lavoro si potrà far in modo che la nostra, per quanto possibile, tranquilla Castelbuono possa rimanere sempre tale a discapito di quanti, volendo fare soldi facili, vorrebbero invece che l?illegalità spadroneggiasse.

Però, non dobbiamo delegare la lotta all?illegalità alle sole forse dell?ordine, ma dobbiamo soprattutto farla noi stessi, con il nostro comportamento di tutti giorni che deve essere sempre nel rispetto della legge e del vivere civile e respingendo sempre, come diceva il Giudice Borsellino: ?? il puzzo del compromesso morale, dell?indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.?

Nelle scuole, nelle associazioni sportive e culturali,? bisogna lavorare bene, perché i bambini di oggi saranno quegli uomini che costituiranno la società del futuro e alcuni di loro faranno anche parte della classe dirigente del futuro.  Quindi se educati nella legalità, nel rispetto delle regole, nel rispetto della libertà altrui,? in futuro si potrà sperare in una società sempre migliore e soprattutto in una classe dirigente all?altezza delle esigenze e dei problemi della gente. Ciò ovviamente vale per Castelbuono, come per la nostra martoriata Sicilia,?

?La lotta alla mafia (primo problema da risolvere nella nostra terra, bellissima e disgraziata) non doveva essere (n.d.r. e non deve essere) soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolgesse tutti, che tutti abituasse a sentire la bellezza del fresco profumo di libertà che si contrappone al puzzo del compromesso morale, dell?indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.? (Giudice Paolo Borsellino)

Antonio2