Catania-Palermo, passando per Castelbuono. È la tav alla siciliana (pronta fra 13 anni)

Basterà meno di un’ora e mezza per raggiungere il capoluogo, ma i tempi di realizzazione sono faraonici

CATANIA – Nel 2025 andremo a Palermo in meno di un’ora e mezza, percorrendo un lungo tunnel sotterraneo che correrà sotto i Nebrodi. In treno, con una «Tav alla siciliana» che farà dimenticare le tre ore necessarie per raggiungere adesso il capoluogo da Catania. Se filerà tutto liscio, ci vorranno almeno 13 anni. A svelare i progetti di Rete Ferroviaria Italiana, la società delle Ferrovie Italiane, è la testata specializzata in infrastrutture e trasporti Siciliaway che riporta come il punto di partenza del nuovo progetto sarà la stazione di Catania Bicocca.

Un binario doppio la collegherà a Enna sud, da cui comincerà la lunga galleria sotterranea fino a Pollina-Castelbuono: in tutto ci vorrà un’ora e venticinque minuti, senza fermate. Ad esempio, un pendolare che deve timbrare il cartellino alle 8 potrà partire da Catania alle 6:30, e non alle 5:00 come succede ora. Rispetto ad una prima ipotesi, la nuova soluzione del tracciato include anche Enna e Caltanissetta. Però bisognerà prima completare la progettazione di Bicocca-Enna, prevista entro quest’anno. La Rete Ferroviaria Italiana avrebbe diviso i lavori in due parti. Per fare la prima deve raddoppiare il binario della tratta Bicocca-Catenanuova: la progettazione preliminare è stata completata, ed è cominciato l’iter delle autorizzazioni previsto dalla Legge Obiettivo. Terminato questo, potrà iniziare la progettazione definitiva e poi tutto il necessario per cominciare i lavori, previsti in cinque anni. Si dovrà raddoppiare anche il binario della tratta Catenanuova-Enna Sud, e rendere più veloce la Roccapalumba-Marianopoli lunga 25 chilometri. In questo modo i tempi si abbatteranno a 2 ore e 10 minuti. Infine, la seconda parte che prevede il tunnel: e visto che i Nebrodi sono protetti dal Parco, anche per questa «Tav alla siciliana» non mancheranno i colpi di scena.

Fonte Italpress
03 aprile 2012

1 commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.