In fin dei conti.

"Il Villaggio è un'isola felice, in fin dei conti", parola di forestiero mordi e fuggi, quello che taglia l'aria col coltello e mangia volentieri. Ma...

Dacci oggi il nostro pane e il quotidiano.

Il Villaggio è a norma di legge. Ma di norma non legge. O meglio, legge quanto basta per ricordarsi di saperlo fare. Non parlo...

Cultura a go go.

La cultura va e viene. Al Villaggio è difficile che sedimenti. Venerdì. La cultura viene. Lunedì. La cultura va. E se la "diaspora delle menti" portasse all'elezione dello Scemo del Villaggio?

La castelbuonesità è un cosi chino.

I cosi chini sono i dolci tipici del Villaggio del periodo natalizio. Belli fuori, con glassa e diavolicchi o nella variante più semplice con...

Mascherati e mascariati.

Il carnevale del Villaggio non finirà certo nelle ceneri. Quest'anno c'è molta carne al fuoco e per spegnere gli entusiasmi carnascialeschi si dovrà attendere...

Masino, lo scecco del Villaggio.

Costa 1500 euro l'anno ed è il nuovo addetto alla raccolta dei rifiuti differenziati del Villaggio. Si chiama Masino ed è stato preferito al signor...

Top onomastica

La vita del Villaggio fluisce piena di controsensi. Non si capisce perché il traffico vada per il verso sbagliato. (A proposito dove sono gli...

Lettera di Babbo Natale al Capo del Villaggio.

Caro Capo del Villaggio, chi ti scrive è Babbo Natale. Di solito le lettere le leggo, stavolta ne scrivo una. Tu te lo meriti. Ho saputo che...

La fama lievitata.

Il Villaggio ha fama. Ma anche, il Villaggio affama. La simpatica assonanza dà vita a un curioso doppio senso, prettamente alimentare. Il villaggio ha un nome (anche...