Cefalù, domenica 21 attività addestrative delle associazioni di Protezione Civile delle Madonie.

Domenica 21 febbraio, presso la sede dell’O.N.V.G.I. di Cefalù sita in Via Vitaliano Brancati 19, alle ore 9 avrà inizio una giornata addestrativa per le organizzazioni di volontariato di Protezione Civile. L’evento addestrativo è organizzato dall’unica coordinatrice donna delle associazioni di protezione civile nelle Madonie, Claudia Messina del gruppo cefaludese delle Giubbe D’Italia.

L’evento vedrà impegnati sul campo gli appartenenti alle organizzazioni di volontariato che partecipano al tavolo costituente del coordinamento di Protezione Civile delle Madonie. I volontari si addestreranno a fronteggiare alcuni scenari operativi, attività utile a testare le capacità di collaborazione tra i vari gruppi di volontariato e aumentarne così l’affiatamento ma anche le capacità tecniche-operative.

Sono trascorsi quasi due anni da quando i vari gruppi di Protezione Civile madoniti s’incontrarono a Pollina, per discutere di un piano di crescita comune che si fondasse sulla collaborazione tra i vari gruppi delle Madonie. L’iniziativa, due anni fa, fu presa dagli allora coordinatori: Lo Verde Francesco di Pollina, Calogero Saguto di Lascari, Antonio Pepe di Castelbuono, Roberto Santini di Cefalù, Antonio Sorrentino di Gangi, Giacomo Tedesco di Petralia, Mauro Scialabba di San Mauro Castelverde e Rosario Matassa di Gratteri.

La condivisione di necessità ma soprattutto di valori e visioni comuni hanno fatto dei vari gruppi di protezione civile un’unica famiglia che condivide uomini e mezzi ma anche buone pratiche di protezione civile. Il legame che si è creato e che unisce i volontari delle madonie cresce giorno dopo giorno e si manifesta nel mutuo supporto, come avvenuto in occasione delle diverse emergenze verificatesi sulle Madonie. La tempestività d’intervento, la sicurezza e la professionalità del volontario di Protezione Civile rimangono i punti focali del coordinamento. Per questo motivo l’evento di domenica sarà certamente un evento apripista, si spera, per una esercitazione di più ampia scala, magari già in occasione del ventennale del gruppo Giubbe D’Italia di Cefalù.

Giuseppe Mazzola

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.