Cefalù, si inietta anestetico dopo aver mangiato: infermiere trovato morto soffocato

[PalermoToday.it] Giovanni Bovì, 39 anni, è stato trovato morto all’interno della sua abitazione. I suoi collegi dell’ospedale Giglio, non vedendolo arrivare, si sono precipitati a casa trovandolo senza vita. Letale una dose di “propofol” Questa mattina un infermiere del reparto dell’ospedale Giglio di Cefalù, Giovanni Bovì di 39 anni, è stato trovato morto in casa. La macabra scoperta questa mattina dai suoi colleghi che non vedendolo arrivare al lavoro si sono preoccupati e sono andati a casa controllare cosa fosse successo. Li hanno trovato il corpo senza vita del giovane. Subito allertato il 118, ma i sanitari non hanno potuto fare nient’altro che costatare il decesso. Sul posto sono arrivati i carabinieri di Cefalù e il medico legale.
Secondo quanto accertato l’uomo è morto per soffocamento dopo un rigurgito. L’infermiere – spiegano i carabinieri – si è iniettato una dose di “propofol”, un forte anestetico. Prima però, probabilmente, aveva mangiato qualcosa.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.