Comune infiltrato dalla mafia, Polizzi verso lo scioglimento

[LAVOCEWEB] Infiltrazioni mafiose. È il primo passo di una procedura che potrebbe culminare con lo scioglimento del Comune di Polizzi Generosa guidato dal 2008 dalla giunta di centro del sindaco Patrizio David. Su richiesta del prefetto di Palermo, è all?opera gli ispettori che stanno valutando il caso con un accesso agli atti dell?amministrazione.
Il lavoro della commissione, che si concluderà con una relazione al Ministero dell?Interno cui spetta il potere di scioglimento, è cominciato con un intervento dei carabinieri che hanno perfino bloccato l?accesso al pubblico. Uno degli obiettivi dell?ispezione è l?ufficio tecnico dove, a quanto pare, sono stati acquisiti numerosi documenti. In paese c?è un clima pesante e molta curiosità per un?iniziativa che ha colto molti di sorpresa. Per di più non è molto chiaro da cosa sia originata e quale possa essere il grumo di interessi attorno al quale si sarebbero verificate le infiltrazioni. Pare che, oltre al livello politico, sotto osservazione sia anche la struttura burocratica.
Le uniche reazioni all?arrivo degli ispettore vengono dal Pd che, in un manifesto, chiede che sia faccia subito chiarezza su un?ipotesi così grave. Per favorire questo processo i due consiglieri di opposizione del Pd, Giuseppina Taravella e Charles Di Fiore, si sono detto pronti a dimettersi. L?obiettivo è quello di provocare una crisi politica e le dimissioni dell?intera amministrazione che ormai è in minoranza: è sostenuta solo da quattro consiglieri mentre 11 sono all?opposizione. Il sindaco David cerca di arrivare alla conclusione naturale nella primavera del 2013 (è stato eletto nel giugno 2008) e si muove per tenere insieme i cocci di una maggioranza che non c?è più. Sintomo delle sue difficoltà è il modo in cui, per assicurarsi le quote ?rosa?, David ha gestito le dimissioni e la sostituzione dell?assessore Vincenzo Cascio. Al suo posto è arrivata sì una donna ma con il volto della sorella Tiziana, 28 anni, alla quale sono andate deleghe importanti come quelle della cultura, della pubblica istruzione, delle politiche giovanili, dello sviluppo economico e delle politiche sovra comunali.
Ma il rimpasto, che ha suscitato molte polemiche, è un passaggio delle difficoltà politiche che potrebbero non avere relazioni con le presunte infiltrazioni. Polizzi è stata al centro negli ultimi tempi di episodi allarmanti. Il più recente è stato l?incendio di un automezzo di un?impresa di costruzioni impegnata in lavori di ristrutturazione. Ma poi ci sono stati gli avvertimenti e le minacce a Vincenzo Liarda, il sindacalista della Cgil che si è battuto per l?assegnazione alle cooperative di produzione del feudo di Verbumcaudo confiscato alla mafia.
Liarda ha ricevuto minacce e intimidazioni in coincidenza con momenti di mobilitazione per l?uso del feudo. In alcuni casi le lettere con minacce di morte sono state accompagnate da proiettili di arma da fuoco perché il messaggio fosse più chiaro. Il paese ha reagito con la mobilitazione e manifestazioni antimafia molto partecipate.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.