Con Cuperlo Segretario: Sinistra e Dignità

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] Essere di sinistra, oggi, vuol dire non lasciare nessuno indietro; per questo siamo ancora più convinti della necessità di un ammortizzatore sociale universale e di portare avanti in termini di lavoro, redditi e diritti TUTTI i lavoratori consapevoli, quest’ultimi, della necessità di assolvere al proprio dovere. Perchè mi hanno insegnato che chi assolve al proprio dovere è nelle condizioni di esigere con più forza i propri diritti. E non TUTTI, anche fra i lavoratori, abbiamo sempre assolto al Nostro dovere. E non Tutti, fra i cittadini, abbiamo sempre assolto al Nostro dovere di Cittadinanza. Enrico Berlinguer oggi non potrebbe esistere nel panorama politico italiano perché diceva la verità, parlava alla mente e al cuore e non assecondava la pancia dei lavoratori e dei cittadini, non era simpatico, non faceva battute e ancor meno era un comunicatore televisivo. E la scelta di domenica probabilmente confermerà che non c’è spazio, oggi, in questo Paese per chi ha tante similitudini con Enrico Berlinguer; Gianni Cuperlo.
Ma abbiamo il dovere di crederci.
Non dobbiamo incoronare un leader con le primarie; dobbiamo riprendere un cammino, il camino del cambiamento.
Partecipa alle primarie e vota Gianni Cuperlo.
Non il volto buono della destra, e delle sue politiche, ma la Sinistra di un tempo Nuovo.

1 commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.