Condannato a 5 anni anche in Cassazione l’ex-prete madonita che aveva abusato di una tredicenne

Si è conclusa la vicenda riguardante gli abusi sessuali perpetrati ai danni di una minorenne da parte di un (ormai) ex-prete madonita. In un articolo del 15 Agosto apparso sul Giornale di Sicilia a firma del giornalista Giuseppe Spallino, viene riportata la notizia della conferma della condanna da parte della Cassazione a 5 anni e sei mesi di reclusione. Della vicenda ci eravamo occupati tempo fa dal momento che l’ex-prete in questione –  Paolino Marchese – aveva per un breve periodo prestato servizio anche a Castelbuono, alla Matrice Nuova. La ragazza, ventunenne all’epoca in cui è emersa l’inchiesta, aveva appena tredici anni quando sono cominciati gli abusi, che si sono protratti fino al raggiungimento della maggiore età. La ragazza aveva poi successivamente confessato la vicenda, e l’ex-parroco aveva respinto le accuse di violenza sessuale, affermando invece che si fosse trattato di una vera e propria “storia d’amore”.

Due giorni fa è quindi arrivata la conferma da parte della Cassazione della condanna. La difesa adesso ha chiesto una misura alternativa al carcere per scontare la pena.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.