Costituente: “Interrogazione su personale comunale”

 Al Sindaco 

Al Presidente 

del Consiglio Comunale 

Alla Giunta municipale 

Al Capogruppo 

di Maggioranza 

OGGETTO: Interrogazione su personale comunale 

I sottoscritti Consiglieri comunali Cangelosi Annunziata, Ippolito Maria, Morici Simona e Domenico Prisinzano del Gruppo di minoranza “Costituente per la Castelbuono di domani”, 

premesso che 

– con la Deliberazione di Giunta n. 230 del 29.12.2021 è stato approvato il Piano quinquennale di rientro nel rapporto tra spesa del personale e entrate correnti in quanto il nostro comune risulta essere NON VIRTUOSO sulla base dei parametri previsti dalla legge, e deve rientrare nei comuni cosiddetti intermedi raggiungendo il rapporto tra le spese per il personale e le spese correnti pari a 30,90%, risultato che l’amministrazione ritiene di raggiungere nel 2024; 

– per l’anno 2021 si è deciso che è possibile incrementare la spesa di personale in quanto il rapporto risulterebbe al di sotto della percentuale di rientro prevista; 

– con la Deliberazione della Giunta municipale n. 51 del 20.04.2022 è stato approvato il Piano triennale del fabbisogno di personale 2022/24 in cui si legge che i Responsabili di settore hanno più volte espresso l’esigenza di una riorganizzazione dell’organico attualmente insufficiente; 

– che nella stessa delibera viene richiamato l’art. 3, comma 101, della L. n. 244/07: “per il personale assunto con contratto di lavoro a tempo parziale la trasformazione del rapporto a tempo pieno può avvenire solo nel rispetto delle modalità e dei limiti previsti dalle disposizioni vigenti in materia di assunzioni”, ma non si comprende come mai è stato omesso il prosieguo dell’articolo che così recita: “In caso di assunzione di personale a tempo pieno è data precedenza alla trasformazione del rapporto di lavoro per i dipendenti assunti a tempo parziale che ne abbiano fatto richiesta”

visti 

– la Deliberazione di Giunta municipale n. 230 del 29.12.2021, Piano quinquennale di rientro del rapporto tra spesa del personale ed entrate correnti; 

– il Parere non favorevole di regolarità contabile del 4 aprile 2022 alla Proposta di Deliberazione della giunta municipale n. 42 del 18.03.2022; 

– la Deliberazione di Giunta n. 51 del 20.04.2022 con la quale è stato approvato il Piano triennale del fabbisogno di personale 2022/2024 con la quale sono state previste per l’anno 2022 n. 2 assunzioni di istruttori tecnici full time (36 ore settimanali) di categoria C, tramite scorrimento della graduatoria approvata con Deliberazione di Giunta n. 31 del 09.03.2022 e n. 2 progressioni verticali da categoria B a categoria C di istruttori amministrativo-contabili

– la Deliberazione della Giunta municipale n. 48 del 06.04.2022, Piano triennale delle assunzioni 2022/24 Controdeduzioni a parere contabile; 

chiedono di sapere 

1. come mai il parere non favorevole di regolarità contabile al piano triennale del fabbisogno del personale, reso in data 4 aprile 2022 dalla Responsabile del Servizio di Ragioneria, dott. Provvidenza Capuana, si ritrova, sempre datato 4 aprile 2022, nella delibera di Giunta n. 51, Approvazione Piano triennale del fabbisogno di personale 2022/2024, a firma però della dott. Domenica Ficano. Chiediamo se si tratti di un mero errore, perché riteniamo incongruente che la Dott. Ficano firmi un parere contabile non favorevole il 4 aprile e, dopo due giorni, nella delibera n. 48 del 6 aprile 2022, produca delle controdeduzioni al parere da lei stessa firmato

2. se il Comune riuscirà a rispettare il Piano quinquennale di rientro del rapporto tra spesa del personale ed entrate correnti, giusta Deliberazione di Giunta municipale n. 230 del 29.12.2021, visto che il maggior costo incide per il 2022 solo per 8 mesi, mentre queste assunzioni graveranno per l’intero anno sull’ente a partire dal 2023, e visto anche che le percentuali previste per il rientro diverranno negli anni sempre più stringenti; 

3. se il Comune in questi due anni successivi alla delibera, 2020 e 2021, ha raggiunto una “incentivazione della capacità di riscossioni”, misura prevista nel piano di rientro; peraltro, dall’esame del Rendiconto 2021 sembra l’esatto contrario, visto che l’Amministrazione ha stralciato residui attivi per 2.737.504,96 €, una cifra enorme di denaro pubblico cancellato, con motivazioni a noi sconosciute e che intendiamo conoscere, tanto che gli stessi revisori, nella relazione al rendiconto, invitano a monitorare l’attività di recupero per incrementare la capacità di riscossione; 

4. perché non è stata data precedenza alla trasformazione del rapporto di lavoro per i dipendenti assunti a tempo parziale, come previsto all’art. 3, comma 101 della L. n. 244/07, trasformandoli a tempo pieno, 36 ore settimanali, prima di assumere nuovo personale

5. come mai si è proceduto all’indizione di un concorso per una posizione categoria D, destinata a capo di un Settore di nuova istituzione, e invece non è stata prevista la copertura del posto di responsabile del settore Urbanistica, ancora ad oggi ricoperto con un incarico temporaneo. 

I sottoscritti chiedono espressamente che la suddetta interrogazione sia inserita all’o.d.g. del prossimo Consiglio comunale utile. 

Ringraziando si porgono distinti saluti. 

Castelbuono, 23.09.2022 

FIRMATO 

Annunziata Cangelosi 

Maria Ippolito 

Simona Morici 

Domenico Prisinzano