Crisi della maggioranza in Consiglio. Il PD: “Esperimento miseramente fallito.”

Dopo il Consiglio Comunale dell’8 luglio 2014, si puo’ affermare senza alcun dubbio che l’esperimento politico, che ha portato all’elezione del sindaco Tumminello, è miseramente fallito.
Creare in pochi giorni un gruppo di persone così eterogeneo solo per sconfiggere l’avversario, senza un progetto o una visione per il paese, alla fine produce questi risultati, che sono estremamente negativi per la politica in generale ma anche per l’amministrazione di un comune.
Era ovvio sin da subito che una siffatta alleanza non potesse portare benefici al paese. Una maggioranza troppo eterogenea, formata da persone di estrazione politica diversissima e distante anni luce dal poter coesistere e, soprattutto, amministrare. Sono stati proprio loro, che ancora si riconoscono nella vecchia maggioranza, a raccontarlo e quindi a certificarlo durante il Consiglio Comunale: i problemi, nella coalizione, sono iniziati dal giorno successivo alle elezioni amministrative del 2012. Da quel momento, il sindaco, ha dovuto quasi giornalmente avere il suo da fare per tenere a bada una maggioranza che lo ha messo in difficoltà.
Nello scorso Consiglio Comunale, i nodi sono venuti al pettine. Tutti e contemporaneamente. E’ successo che la maggioranza si è liquefatta sotto i colpi, precisi e circostanziati di alcuni consiglieri che, fin quasi da subito estremamente critici verso le scelte del sindaco, si sono stufati di sentire frasi del tipo:…”faremo…, vedremo…, stiamo studiando…etc..”. E l’uscita dalla maggioranza è l’ovvia conseguenza di questo ragionamento.
Nel frattempo, le tante problematiche del paese aspettano di essere risolte; problematiche aggravate dal fatto che il paese va avanti alla rinfusa, senza progetti. Ora che la maggioranza non esiste più, attendiamo di sapere come l’amministrazione comunale intende andare avanti. Avendo però, come stella polare, solo il bene comune.

Michele Di Donato
Segretario PD Castelbuono

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.