Cultura, Ambiente, Enogastronomia = Sviluppo Sostenibile

?. questa volta, raccontiamo della partecipazione dell?Ente Parco delle Madonie e del GAL a Biofach, nella
citt? di Norimberga, sempre con l?attenzione e l?interesse rivolti all?obiettivo di trasmettere e condividere
l?informazione che muove attorno agli avvenimenti in itinere, compatibili con le attivit? istituzionali.

Raccontare, perch? l?idea che ?muove? ? quella d?informare senza alcuna reticenza, ma con una semplice verit?
espositiva, sui ?percorsi? fatti per promuovere il territorio delle Madonie e diffondere anche all?estero, le ?nostre
buone pratiche.?

Ci?, pu? dar lo spunto a critiche, che se costruttive, non generano di certo significati astrusi e sono lontane da
logiche partitiche.

La frase ?Nemo Profheta in Patria?, profetizza come il Parco delle Madonie, abbia raggiunto grandi traguardi
all?estero, e sia apprezzato sempre pi? dagli stranieri, anche per le sue origini etnico-antropologiche e per
l?eccellenza dei prodotti.

Infatti, il visitatore ? sempre pi? incuriosito dalle bellezze dei luoghi e mostra interesse nel ricercare nuove mete
turistiche che siano espressione e vita quotidiana del fare e delle produzioni proprio del territorio da scoprire.

Se ? vero, che notoriamente la Sicilia ? una zona turistica conosciuta per gli itinerari d?arte, oggi a essi, si associa
l?arte enogastronomica, che si unisce con un rapporto simbiotico all?ambiente naturale, dal quale essa stessa trae
origine.

Allora, il visitatore muove il proprio interesse turistico, dalle bellezze dei luoghi, veri e propri musei naturali, verso
degli itinerari complementari: ovvero, attraverso un percorso che ? proprio dell?animo umano, dall?immaginaria
esteriorit? dei luoghi, approda ad ambiti di privilegiata unicit? ed inesprimibilit?, per una serie di fattori estrinseci ed
intrinseci legati al territorio ed alle comunit? locali.

Nella ricorrenza del 150? anniversario dell?Unit? d?Italia, che rappresenta anche l?unit? della Patria gastronomica,
diversamente dallo schema ?artusiano?, dove nel libro ?Scienza in cucina?, l?autore evita di presentare i piatti
ritenuti eccessivamente municipali, perch? troppo legati a prodotti e gusti locali e pone al bando quelli a forte
connotazione ?popolare?, rendendo quasi nulli i riferimenti alla buona cucina siciliana, all?interno delle
manifestazioni e di mostre- mercato anche all?estero,
si presentano tutte le ricette che esaltano,
indipendentemente dall?appartenenza propria alle Regioni, il grande repertorio di minestre e polente a base di
cereali ?inferiori? (orzo, miglio etc.) che un tempo avevano invece costituito un?ancora di salvezza per intere
generazioni di contadini, ponendo cos? in risalto la straordinaria variet? della nostra cucina italiana.

La cucina meridionale, che si fa sentire soprattutto nel capitolo formaggi, erbaggi e legumi, ortaggi e frutta,
rappresenta in grandi fiere all?estero, il trionfo di molte ricette che gli chef siciliani, propongono nel corso di
degustazioni e di presentazione dei prodotti base del territorio.

Non sempre per? quando si parla di Parco, si riesce a delinearne nella sua corposa espressione, quanti e quali siano i
compiti, che pur rientrando tra le attivit? istituzionali, devono essere espletate per promuovere al meglio il
territorio.

Un partenariato attivo, una condivisione di intenti e non disgiunte da esse un?oculata gestione di risorse
economiche, ? triade per consentire al meglio, un mirato sviluppo territoriale, supportato da comunicazione ed
informazione.

Quest?ultime, specie nel settore della promozione turistica, devono essere tali da raggiungere mete lontane, laddove
il Parco delle Madonie, ? ancora un territorio da far conoscere, sotto molteplici aspetti. E, per raggiungere lo scopo,
occorre allora presentare il Parco delle Madonie, come territorio ?unicum?.

Una regola fatta propria dall?Ente, in questi ultimi anni, ? quella di ricercare e di aprire le vie attraverso cui
determinate informazioni possano arrivare ai grandi agglomerati urbani, non solo attraverso mass media locali
(televisioni, giornali, radio), ma anche con la partecipazione diretta a dibattiti e convegni dei Presidenti, del

Commissario dell?Ente, di Sindaci a ci? delegati, che presentano il Parco delle Madonie, nel vasto contesto nazionale
ed internazionale.
L?obiettivo ? di accrescerne la competitivit? territoriale al pari di altre aree protette e non.

La partecipazione mirata a eventi e manifestazioni, che ? collegata all?aspetto promozionale del territorio, si ?
avvalsa, grazie alle direttive del Direttore e del Commissario dell?Ente, della comunicazione e informazione, due
concetti distinti, ma interdipendenti dalla stessa realt?. Ma se la comunicazione rappresenta il momento del
rapporto tra gli uomini, dello stabilirsi di un contatto tra realt? differenti (scambi commerciali, utilizzo di buone
pratiche), l’informazione ? invece un aspetto della comunicazione, un suo particolare utilizzo che va alimentato in
vario modo ( materiale pubblicitario, cd, filmati).

Per raggiungere gli obiettivi coerenti con le superiori direttive si ? rigorosamente rispettato il principio etico secondo
il quale, la promozione fine a se stessa, non pu? creare un turismo selvaggio, ma un turismo sano e rispettoso
dell?ambiente, in condizione di equilibrio con le comunit? locali.
Certamente il territorio ? il punto cardine dal quale partire per sviluppare le strategie che tendono direttamente e/o
indirettamente a promuovere le diverse attivit? e a migliorare il benessere collettivo.

Dunque, far parte di una Rete, di una Associazione, esprime che ?sistemi di risorse? (umane, economiche, culturali),
ma anche politiche di sviluppo del territorio, siano fortemente collegate tra loro, in maniera tale da scambiare dati
e utilizzare al meglio le risorse comuni.

Per questi motivi, l?adesione a Enti e organismi nell?ambito dei quali il Parco ? partner istituzionale, permette di
esprimere al meglio le vere peculiarit? del territorio e delle comunit? locali, anche in contesti europei.

L?Associazione Citt? del Bio, cui l?Ente ? associato, e che ha tra i suoi iscritti anche la citt? di Norimberga, ? stata
invitata dal Sindaco dr. Ulrich Maly, a partecipare all?evento Biofach, una grande manifestazione a livello
internazionale (12 padiglioni e ben oltre 450 stand europei ed extraeuropei), che promuove al suo interno, a
garanzia della qualit? alimentare, l?utilizzo di prodotti biologici.

Uno stand istituzionale ? stato gratuitamente offerto dalla Citt? di Norimberga al Parco delle Madonie e al GAL, alla
Provincia di Siena e all?Associazione Citt? del Bio. Come in precedenti occasioni, ? stato bissato l?obiettivo di un buon
numero di visitatori, che hanno mostrato particolare interesse nell?avere informazioni turistiche in area di Parco e
sulle produzioni locali. Tra i visitatori, Carlo Pedrini Presidente della Fondazione Slow Food e Terra Madre, Sindaci
olandesi e tedeschi e rappresentanti dei Ministeri dell?Ambiente e dell?Agricoltura.
A tutti, sono state regalate arance e servite spremute, offerte per l?occasione dai Sindaci di Scillato e di Castelbuono;
fatti degustare i biscotti del panificio Agliata di Petralia Soprana, pane con l?origano dei F.lli Filippone di Petralia
Sottana e l?olio Failla di Castelbuono. Apprezzati anche i vini dell’Azienda enoagricola Sant?Anastasia tra i quali Nero
d’Avola e Inzolia, assieme al Cabernet Sauvignon, al Merlot e Sauvignon Blanc.

Previsti durante la manifestazione, anche diversi convegni per la presentazione di progetti comunitari a supporto del
biologico e del risparmio energetico, ai quali hanno partecipato Sindaci olandesi, tedeschi, italiani, nonch? il
Comitato direttivo dell?associazione Citt? del Bio, il Commissario dell?Ente dott. Angelo Pizzuto e il Sindaco di
Castelbuono Mario cicero.

Grande interesse ? stato rivolto al video presentato dall?Ente Parco sulla bioristorazione scolastica delle Madonie.
Avvalendosi della consulenza della dottoressa Rita Zafonte, presente alla manifestazione Biofach, sono state
illustrate le varie fasi (dalla lavorazione alla cottura) attraverso le quali ? preparato il cibo nelle mense scolastiche:
utilizzo di prodotti locali, ancorch? non del tutto biologici, pesce fresco e carni fresche certificate dal Consorzio
?Carni di Sicilia? in Gangi. I costi sostenibili in termini di consumo locale, di redditivit? dei produttori, di trasporto
locale, sono parimenti funzionali nel rispetto dei valori nutrizionali previsti nelle diverse tabelle di alimentazione
applicate alle scuole materne ed elementari.
In realt?, si ? trattato di uno studio mirato, svolto nell?ambito di un progetto avviato dalla SO.SVI.MA, dal GAL e dal
Parco delle Madonie, con risultati sopra le aspettative.
Con esso, si ? dimostrato ai Sindaci , alle istituzioni e alle associazioni presenti, come la genuinit? dei prodotti tipici
e locali, l?abbandono di consuetudini alimentari legate al globalismo, consentono in un?epoca di grande
globalizzazione alimentare il recupero di tradizioni alimentari che ? molto legato alle origini della terra.

Il Sindaco Cicero, ha sottolineato come possa essere raggiunto un importante obiettivo, affermando e sostenendo
come l?economia rurale, che a partire dagli anni sessanta ? stata caratterizzata da una profonda evoluzione del
sistema economico con la progressiva perdita del podere secondo la sua tradizionale funzione, oggi si assurge a
settore trainante che pu? alimentare flussi migratori interni dagli agglomerati industriali e urbani, con il
conseguente ripopolamento delle campagne, la riscoperta delle antiche ricette e il recupero della genuinit? di
prodotti, certificati da Consorzi di tutela e la concreta possibilit? di crescita del benessere sociale.

Al termine dei lavori congressuali, i partecipanti al tavolo tecnico, considerata la valenza delle progettualit? ivi
esposte, hanno convenuto all?unanimit?, di procedere per i prossimi incontri, alla stesura di linee guida con le quali
fissare dei principi cardini a presupposto di una corretta gestione di risorse socio-economiche, del potenziamento del
settore agricolo-alimentare, del superamento delle criticit? emerse nel far prevalere l?utilizzo di prodotti biologici
nelle mense scolastiche, a discapito della grande globalizzazione alimentare, nonch? l?utilizzo di modelli e buone
pratiche gi? positivamente sperimentate e applicate (es. video sulla bioristorazione scolastica).

La presenza di produttori italiani in altri stand, provenienti da altre Regioni, testimonia come, alla produzione
biologica siano fortemente interessati i mercati esteri in special modo quello olandese e tedesco, e attorno all?asse
franco-tedesco fioriscono ditte import export che sviluppano rapporti commerciali con l?estero, promuovendo i
prodotti della Sicilia.
I prodotti che sono stati richiesti sono i formaggi, frutta, erbe aromatiche, perch? se ? vero che esistono in ogni
Regione prodotti tipici, ? pur vero che il clima, l?ambiente, le piante endemiche, la diversit? dei pascoli d?altura, le
diverse tecniche di caseificazione (patrimoni culturali), differenziano il prodotto da luogo a luogo, rendendolo
esclusivo nei sapori e nelle forme.

I contatti avuti con i produttori franco tedeschi, hanno permesso l?avvio di nuovi rapporti commerciali con il nostro
territorio, una crescita d?immagine attraverso l?informazione turistica e la capacit? di esportare in contesti lontani,
sia buone pratiche all?impronta del risparmio energetico e della sostenibilit? ambientale, nonch? forme di garanzia
per la salute del consumatore (bioristorazione scolastica). Appare, per?, necessaria la consapevolezza che anche i
nostri prodotti, al pari di quelli esteri, siano sempre pi? certificati in biologico, per garantire sempre pi? una corretta
alimentazione, con forme di prevenzione esercitate sin dalla scuola dell?infanzia.

?? e infine, piace citare quanto segue: ?il modo di produzione della vita materiale condiziona, in generale il processo
sociale, politico e spirituale della vita, non ? la coscienza degli uomini che determina il loro essere, ma, ?, al contrario,
il loro essere sociale che determina la loro coscienza. (cfr. ?Per la Critica dell?economia politica? di Karl Marx).

Ente Parco delle Madonie
dott.ssa Santina la Spada

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.