Democratici per Castelbuono. Andrea Prestianni è il nuovo presidente del Movimento

Nel pomeriggio di domenica 4 dicembre si è riunita l’assemblea dei Democratici per Castelbuono, movimento politico a cui i cittadini hanno confermato la loro fiducia e riconsegnato il governo della città alle ultime elezioni amministrative.

Dopo la lunga e articolata relazione del coordinatore Mario Cicero, che è intervenuto nel merito dell’azione amministrativa (opere pubbliche finanziate e programmate, welfare e politiche sociali, politiche di bilancio e contrasto all’evasione fiscale, politiche culturali e candidatura a Unesco Creative City) esprimendo anche considerazioni sulla politica regionale e nazionale alla luce delle recenti elezioni politiche, si è aperto il dibattito tra gli iscritti e simpatizzanti del Movimento su temi di interesse locale e nazionale, dibattendo altresì sulle diverse anime e culture politiche presenti che, con la loro articolata diversità, arricchiscono la vita politica e democratica del Movimento, contribuendo a raggiungere gli obiettivi politici e amministrativi per i quali lo stesso è nato nel 2017.

In particolare si sono registrati gli interventi e i contributi di: Lucia Sapuppo, Concetta Fiasconaro, Silvia Scerrino, Mauro Piscitello, Angelo Puccia, Pino Collesano, Annamaria Mazzola, Nicolò D’Ippolito e Mariaenza Puccia.

Nel corso dell’assemblea è stato eletto nuovo Presidente dei Democratici per Castelbuono Andrea Prestianni, consigliere comunale in carica, già capogruppo del Movimento e Assessore al Bilancio nella passata consiliatura, il quale intervenendo dopo l’elezione ha ringraziato l’assemblea ed ha formulato alcune considerazioni sulla situazione politica attuale, sulle emergenze sociali e ambientali che incombono (aumento delle disuguaglianze e crisi climatica su tutte) e sulle principali sfide globali e locali che saremo chiamati ad affrontare nei prossimi mesi, chiedendo al Movimento di promuovere un’azione politica decisa e impegnativa.

Particolare attenzione è stata infine dedicata a due questioni centrali. Da un lato il bando per la progettazione mediante concorso di idee dell’area castellana, illustrato dal Vicesindaco e Assessore ai Lavori Pubblici Annamaria Mazzola, e che presto verrà condiviso con la cittadinanza e le parti sociali, e può diventare un’occasione di riflessione su una nuova idea di spazi culturali a Castelbuono; dall’altro la sperimentazione del progetto COM.IN.4.0, prendendo spunto dall’esperienza messa in campo dal governo spagnolo con il supporto dell’Unione Europea, per sviluppare nuovi modelli di gestione dei servizi per l’integrazione e l’inclusione dei cittadini stranieri, favorendo una cultura di accoglienza e di pace.

Il Movimento sarà pertanto impegnato nelle prossime settimane lungo queste direttrici, ricercando nel contempo il più ampio dialogo e confronto con la società civile, con le forze produttive, con le parti sociali e il mondo dell’associazionismo.

Movimento Democratici per Castelbuono