Discarica vietata per debiti ai sedici Comuni dell’ATO 5

[siciliainformazioni] Troppi debiti e la discarica di Mazzarr? Sant’Andrea (Messina) vieta il conferimento per i rifiuti di 16 comuni del Palermitano. Sono quelli gestiti dall’ Ato Palermo 5 “Ecologia e ambiente”. Fino a quando non saranno saldate le scoperture finanziarie la raccolta sar? sospesa: si prospetta quindi un’emergenza ambientale nei centri interessati tra cui Cefal?, il pi? indebitato di tutti con un’esposizione di 4 milioni e 800 mila euro, Termini Imerese (circa
tre milioni), Trabia, Castelbuono, Caccamo, Cerda. Complessivamente l’Ato Pa 5, che pure ? uno dei pi? virtuosi in Sicilia, vanta nei confronti dei Comuni crediti per quasi 17 milioni. Pi? volte, ha detto il presidente Giuseppe Norata, le amministrazioni comunali sono state invitate a versare almeno acconti sugli importi dovuti.

“Lo hanno fatto – ha aggiunto – solo pochi Comuni. La maggior parte invece non ha pagato”. La societ? d’ambito si ? cos? ritrovata senza liquidit? e a sua volta esposta sia con i lavoratori sia con i fornitori. Il debito con la gestione della discarica ? salito a un milione e 400 mila euro. Ieri ? arrivato l’annuncio che l’ingresso all’impianto sarebbe stato interdetto ai mezzi dell’Ato; da mezzanotte ? scattata la sospensione della raccolta. Prima di adottare questa misura, di cui ? stata informata la Prefettura, l’Ato ha cercato un accordo con i Comuni pi? indebitati. In un’assemblea di soci del 16 aprile tutti si erano impegnati ad attuare un piano di rientro ma pochi alla fine hanno rispettato le scadenze. Nei confronti degli inadempienti la Regione adotter? ora provvedimenti sostitutivi. Il dipartimento acqua e rifiuti ha gi? chiesto il commissariamento del Comune di Cefal?.

fonte: ANSA

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.