Distretto Turistico, non si placa la bufera

[madoniepress.it]I sottoscritti soci di Parte Pubblica e Privata del Consorzio Distretto Turistico Cefalù – Madonie – Himera, avendo partecipato all’Assemblea del suddetto Distretto tenutasi a Caccamo lo scorso 17 Ottobre, al fine di chiarire i motivi che li hanno spinti ad abbandonare la seduta per non partecipare all’illegittima elezione del novo CDA, che è avvenuta pochi minuti dopo il loro allontanamento, indicono un’assemblea pubblica per relazionare tutti gli invitati e l’opinione Pubblica interessata su quanto è realmente successo in quella seduta.

Con questa nota indirizzata agli organi di stampa i sindaci di Cefalù e Castellana Sicula con i rappresentanti del forum delle associazioni di Cefalù e dell’Ass. Patto per Geraci aprono un nuovo capitolo nella lunga telenovela del Distretto Turistico Madonie Cefalù Himera.
Intenzione del nuovo incontro sarebbe quello di chiarire una volta per tutte i motivi che hanno animato il loto operato “unicamente volto – affermano Rosario Lapunzina, Pino Di Martino, Franco Scancarello e Luciano Luciani – alla faticosa ricerca dell’unità di intenti e di azione nel pieno rispetto di norme, statuto e regole di gestione democratica e paritaria fra tutti i soci”
Preannunciata anche l’intenzione di procedere nel corso dell’incontro alla sottoscrizione di una richiesta di Autoconvocazione dell’Assemblea dei soci del Distretto, che deve essere sottoscritta da almeno un terzo delle quote dei soci, per provvedere a sanare le anomalie e le illegittimità rilevate.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.