Dopo il Minà Palumbo, il Sindaco propone di spostare anche le date del Carnevale

Oggetto Lettera aperta ai cittadini di Castelbuono

Aver valorizzato il nostro patrimonio e i nostri eventi in questi secoli di sindacatura, senza tema di smentita, ci (mi) ha permesso di essere riconosciuti(o) come un punto di riferimento culturale delle Madonie.

Tutto ciò dà merito ad una classe politica che nei secoli è riuscita a salvaguardare e valorizzare i nostri eventi sacri e profani: Ypsigrock, Funghi Fest, Paese Divino, Infiorata, Sagra della Salsiccia, Sagra della Testa di Turco, Sagra dell’Asino, San Giovanni, San Focà, Sant’Anna e Sant’Annuzza.

Ritengo ci sia oggi l’esigenza di un confronto per rivedere l’offerta culturale e turistica della nostra comunità, consapevoli dell’investimento fatto in questi secoli.

Consapevoli delle potenzialità Culturali del Carnevale, siamo convinti che l’evento Carnevale abbia (ha),delle potenzialità in termini folkloristici e culturali uniche nel suo genere.

Abbiamo (ho) evidenziato in premessa, che oggi dobbiamo rivedere l’organizzazione che ci siamo dati, ottimizzando alcuni investimenti, rivedendo la logistica, facendo scelte che valorizzano il Carnevale con annessi e connessi.

Affinché tutto ciò avvenga, a nostro (mio parere), dobbiamo apportare alcuni cambiamenti nel Carnevale e nelle sue date e, in tal senso, con questa lettera sottopongo una proposta per aprire un confronto, con l’intento di rendere il mio (nostro) paese sempre più apprezzato.

L’idea consiste nello spostare le date del Carnevale in modo tale da farlo iniziare il 1° Gennaio e farlo concludere non prima del 31 Dicembre.

In tal modo si potrebbe:

  • Effettuare le sfilate dei carri durante l’Infiorata di Giugno con un percorso che vada da Liccia a Santa Maria e ritorno in collaborazione con l’ACI e la Targa Florio Storica
  • Creare a Luglio una gara podistica ain maschera in modo tale da creare una gara unica a livello mondiale, internazionale e universale (con collegamenti con EuroSport, BBC, Sky, CNN, CNA, Radio Maria,Radio Antenna Italia e Radio Castelbuono Alternativa)
  • Creare un museo del Carnevale, aperto tutto l’anno, all’interno dell’attuale casa comunale con i Consigli e le Giunte Comunali parte integrante degli spettacoli carnascialeschi
  • Ripristinare il carnevale di Rio ad Agosto (come negli anni 80 di robertiana memoria) con realizzazione di un Sambrodomo al posto del Teatro delle Fontanelle
  • Lasciare il museo garibaldino dove si trova…
  • Promuovere la “Smancia diffusa” con i gruppi di Satira che vadano in giro a rappresentare le maschere non solo nel freddo periodo invernale e al chiuso dei numerosi Teatri presenti, ma anche a primavera e in estate e nelle varie contrade di campagne, rivitalizzando luoghi e tradizioni rurali.
  • Ideare a Maggio la prima sfilata di carnevale con i carri davanti ai buoi e pure davanti agli asini
  • Quello che stiamo (sto) proponendo è un’idea, riflettiamo, invitiamo (invito) ad intervenire, analizziamo insieme (almeno io e il sindaco) tutti gli aspetti positivi e le criticità.

L’AmministrazIOne si pone in una posizIOne d’ascolto, per fare sintesi e decidere.
Grazie a tutti coloro che vogliono contribuire ad arricchire questo confronto.

Cordiali Saluti

Castelbuono Li 30/01/2019

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.