Elezioni Europee. Il Sindaco analizza il voto e replica al segretario del Pd: «Gli unici veri “personaggi in cerca d’autore” non possono che essere i vari Di Donato e company»

[ILCALEIDOSCOPIO.INFO – Giuseppe Spallino] Passate le elezioni europee, si analizzano i dati. Sullo storico risultato del 40,8% ottenuto dal Partito Democratico a livello nazionale, il sindaco Antonio Tumminello, che ha appoggiato Marco Zambuto e Michela Stancheris, afferma: «Il voto di domenica è certamente un grande segnale di fiducia verso il cambiamento intrapreso da Matteo Renzi. Adesso non ci potranno più essere alibi per nessuno, perché molti dell’area moderata e non iscritti hanno votato Pd con entusiasmo per costruire un vero rinnovamento della politica, per concretizzare quei risultati di sviluppo e progresso che le nuove generazioni aspettano ormai da troppo tempo».

Per quanto riguarda il dato locale del Partito Democratico, assestatosi con il 18,87% dietro lista L’Altra Europa con Tsipras in cui era candidato l’ex sindaco Mario Cicero, il primo cittadino dichiara: «Non possiamo che rimanere meravigliati di un atteggiamento di assoluta controtendenza, oggi anche alla luce dei risultati ottenuti da Zambuto e dalla Stancheris, che sono stati rispettivamente il primo e il secondo degli eletti. Quindi non c’è dubbio che l’analisi del voto e la discussione politica che io stesso auspico avvenga quanto prima, in considerazione dei voti di preferenza riportati anche dalla Chinnici, Fiandaca e Barbagallo». Quindi, utilizzando la stessa espressione del segretario del Pd Michele Di Donato (che il 25 maggio guardava con sospetto chi si avvicina al Pd per “sopravvivere” politicamente e non perché crede negli ideali di questo Partito), il Sindaco Tumminello ha replicato:«Gli unici veri “personaggi in cerca d’autore” a questo punto non possono che essere i vari Di Donato e company, che certamente sapranno trarre le dovute e opportune conclusioni nel rispetto di quanto già fatto in questa campagna elettorale».