Emergenza Piano Battaglia. Nuova dichiarazione di Uniti per le Madonie

Il Presidente di Uniti perl le Madonie Pino Di Martino ed il Coordinatore di Cittadinanzattiva–Madonie Cefalù Franco Scancarello , in merito al comunicato Istituzionale diramato ieri pomeriggio con nota dell’Ingeg reso noto dalla Città Metropolitana di Palermo, che si riferisce ad una nota dell’Ing. Claudio Delfino, della Direzione Edilizia e Beni Culturali, in merito agli articoli apparsi su alcuni organi di Stampa negli ultimi due giorni, inerenti agli impianti di risalita di Piano Battaglia , DICHIARANO – “ Apprendiamo, sempre da notizie stampa, che l’ing Delfino afferma – La città Metropolitana di Palermo nonostante le criticità finanziarie degli ultimi anni, ha garantito ogni anno l’operatività della Stazione Sciistica di Piano Battaglia- e giustifica che la decisione di non affidare più la gestione delle piste e dell’area circostante alle stesse alla società Pino Battaglia s.r.l., titolare della gestione degli impianti di risalita sia scaturita da un parere dell’ANAC che, a suo dire – indicava come inderogabile la strada della procedura aperta per l’affidamento del servizio di gestione delle piste da discesa – Per tali ragioni si sarebbe lo scorso anno si è bandita una gara per tale attività. Ci risulta, da approfondimenti e studio degli atti di cui siamo riusciti a venire in possesso, che dette affermazioni siano generiche incomplete e distorte.

Pertanto invitiamo l’ Ente a dimostrare tali affermazioni, rendendo pubblici atti, contabilità , parere dell’Anac e le modalità ed i provvedimenti di affidamento alla società Piano Battaglia s. r. l della gestione per i primi 3 anni anche delle piste. Invitiamo nel contempo la società Piano Battaglia a meglio chiarire i motivi reali, con dati di fatto concreti e dimostrabili, le motivazioni che hanno indotto la stessa ad abbandonare la sua intrapresa”.

F.to Franco Scamcarello – portavoce delle 2 Ass.ni

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.