Fiammetta Borsellino ospite dell’ IC “Francesco Minà Palumbo” in occasione della Giornata della legalità

L’Istituto comprensivo “F. Minà Palumbo”, come ogni anno, in occasione della Giornata nazionale della Legalità, ha voluto commemorare le vittime delle stragi mafiose di Capaci e via D’Amelio, in cui persero la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini delle loro scorte. 

Per sradicare un fenomeno centenario come quello mafioso è necessario ripartire dalla Scuola. Educare alla legalità e alla giustizia è una parte fondamentale della crescita di ogni cittadino, e deve essere un percorso che lo accompagna dall’infanzia fino all’età adulta. La commemorazione quest’anno si è tenuta venerdì  21 maggio 2021, alle ore 10.00, nella sala conferenze “Michele Morici” del Museo naturalistico “F. Minà Palumbo” e ha avuto un ospite eccezionale, la dottoressa Fiammetta Borsellino, figlia del magistrato Paolo Borsellino.

Alla manifestazione, svolta nel pieno rispetto delle misure di prevenzione del contagio da Covid-19, la dottoressa Borsellino ha incontrato una delegazione dei ragazzi dell’istituto comprensivo, tra cui i ragazzi facenti parte del mini consiglio di Castelbuono e Isnello, mentre il resto dei ragazzi ha seguito in remoto da scuola la conferenza. La dottoressa Borsellino ha instaurato un rapporto di complicità con i ragazzi e ha parlato loro della sua esperienza di figlia di un magistrato lanciando un  messaggio di speranza e di rinascita che parla di un mondo in cui il peso di un passato drammatico può trasformarsi nella consapevolezza necessaria per migliorare presente e futuro. La nostra comunità deve unirsi per escludere le mafie e abbracciare la legalità.

Sono intervenuti anche il Dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo “F. Minà Palumbo”, prof.ssa Francesca Barberi, il sindaco del comune di Castelbuono, signor Mario Cicero, il sindaco del comune di Isnello, avv. Marcello Catanzaro e le referenti del progetto “Coloriamo il nostro futuro” prof.sse Gaia Fiasconaro e Maria Di Garbo. La cerimonia è stata allietata dall’esecuzione di alcuni brani musicali eseguiti alla chitarra dai ragazzi che frequentano l’indirizzo musicale dell’Istituto comprensivo.
                                                                                                                                                           

Melina Forti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.