Foto e cinema, a Cefalù un evento per immagini

[LAVOCEWEB] La piccola bomboniera del teatro Cicero di Cefalù ha ospitato il concorso fotografico ?Energie rinnovabili e salvaguardia dell?ambiente? e il primo festival provinciale del cortometraggio scolastico promossi dal Lions Club di Cefalù. Premiate opere di rilevante valore artistico.
Sono stati Vincenzo Cucco, direttore artistico, e Giuseppe Martorana, presidente del Lions Club Cefalù, a premiare i vincitori dei due concorsi. E assieme a loro, oltre ai componenti della commissione hanno presenziato il sindaco Rosario Lapunzina, l?assessore alla cultura Antoniella Marinaro, le autorità lionistiche, fra cui Gianfranco Amenta, primo vice governatore del distretto 108 YB Sicilia, i soci del Lions Club Cefalù ed altre personalità del mondo culturale.
Otto i premi attribuiti alla fotografia, primi classificati ?ex aequo?, dalla aommissione giudicatrice composta da Vincenzo Cucco (presidente e art director), Giuseppe Martorana (presidente Lions Club Cefalù), Francesco Amodeo (past governatore Lions), Nino Bellia (presidente Uif), Francesco Baiamonte (fotografo), Michele Naccari (fotoreporter dell?agenzia StudioCamera) e Sandro Varzi (fotografo). Questi i riconoscimenti assegnati.
Tema Regno animale sezione colore ?Bellezza senza vanità? di Pietro Finisguerra, sezione bianco e nero ?Camargue? di Alvaro Valdermini. Tema Paesaggi sezione colore ?Geotermia e Territorio? di Daniele Franceschini, sez. bianco e nero ?Ciò che è stato, ciò che sarà? di Vincenzo Fiasconaro. Tema Regno Vegetale sezione colore ?Agrifogli delle Madonie? di Max Serradifalco, sezione bianco e nero ?Le mani sul cielo? di Paolo Terruso. Tema Fenomeni Atmosferici sezione colore ?Il tormento dell?anima? di Giuseppe Cultrara, sezione bianco e nero ?Il passo silenzioso della neve? di Natale Sottile. Il primo premio in assoluto è stato attribuito all?opera ?Bellezza senza vanità? di Pietro Finisguerra. La mostra delle fotografie partecipanti è stata allestita all?interno dell? Ottagono di S. Caterina in piazza Duomo a Cefalù ed è rimasta aperta al pubblico da giovedi 16 maggio a domenica 19.
Tre i premi attribuiti ai cortometraggi, con motivazioni diverse, dalla commissione giudicatrice composta da Aurelio Pes (presidente, drammaturgo e critico artistico), Gianfranco Amenta (primo vice governatore Lions distretto 108YB Sicilia), Luciano Accomando (regista), Clelia Cucco (attrice e regista), Filippo Lo Medico (?Una vita per il cinema?), Franco Turdo (filmakers):
Il miglior cortometraggio è quello realizzato dagli studenti delle scuole secondarie di primo grado. Titolo del corto: ?I pregiudicati? con la regia di Claudio Verga. Referenti del progetto: professoressa Marcella Ingoglia e prof. Dario Vaccaro (Istituto comprensivo statale Renato Guttuso di Palermo), dirigente scolastico professoressa Angela Randazzo).
Per la sezione cinema e società è stato premiato per avere ben rappresentato l?obbiettivo sull?impegno civile il corto ?Messaggi in bottiglia? con la regia degli allievi Silvia Lo Verso, Mirko Zichichi, Emanuela Mongiovì. Referenti del progetto: professoressa Gaetana Santoro (liceo scientifico Benedetto Croce di Palermo), dirigente scolastico Annamaria Catalano.
Il gran premio Lions Club Cefalù 2013 per il miglior cortometraggio in assoluto è stato assegnato a quello realizzato dagli studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Titolo del corto: ?Articolo 1?, soggetto e sceneggiatura del professor Gaetano La Mantia con la regia di Roberto Sardina. Referente del progetto: professor Gaetano La Mantia (Istituto professionale per l?industria e l?artigianato Salvo D?Acquisto di Bagheria), dirigente scolastico professoressa Lucia Buonaffino.
La cerimonia di premiazione è stata arricchita, con grande successo, dalla Compagnia ?Fiori di Carta? con la performance teatrale ?LUNEDI? RIPOSO? in cui il pubblico, attraverso battute, canzoni, gags, ?macchiette?, sketches, è stato trasportato, sul sottile filo della memoria dagli attori Clelia Cucco, Giuseppe Montaperto, Stefania Sperandeo e Peppe Carrozza, guidati dalla magistrale regia di Clelia Cucco con le musiche di Vincenzo Castagna, alla scoperta o riscoperta di una comicità apparentemente dimenticata ma che, unita ad una ironia dal pungente sapore di attualità, ha fatto trascorrere una serata all?insegna della leggerezza e del sorriso.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.