Garanzia Giovani. La Cna di Castelbuono assiste le aziende interessante ad accogliere tirocinanti

[ilcaleidoscopio.info] Dal 6 marzo tutti gli operatori economici (imprese, studi professionali, associazioni private e altro) possono accogliere i giovani di età compresa fra 18 e 29 anni, per la realizzazione di tirocini formativi della durata di 6 mesi.

L’iniziativa è parte del programma europeo Garanzia Giovani e consentirà l’avviamento di ben 13.000 tirocini formativi extracurriculari in Sicilia, riservata a giovani disoccupati, non impegnati in corsi scolastici e/o formativi.

La Cna di Castelbuono, identificato quale soggetto attuatore ed intermediario per i servizi di Garanzia Giovani, può assistere tutte le imprese e organizzazioni interessate per tutti gli adempimenti necessari finalizzati all’ attivazione di un tirocinio formativo al fine di attingere ai fondi regionali con procedura a sportello fino ad esaurimento delle risorse.

I giovani tirocinanti, inseriti nel percorso di formazione e inserimento al lavoro, riceveranno una indennità di € 500 mensili, erogata direttamente dall’Inps in rate bimestrali (per un importo complessivo di € 3.000).

Per l’impresa ospitante non sono previsti costi a carico, tranne l’apertura di una posizione INAIL e l’attivazione di una polizza di responsabilità civile a valere sul tirocinante . Il tirocinio formativo non rappresenta un rapporto di lavoro, ma una concreta opportunità di inserimento lavorativo per i giovani e una possibilità di prova per l’impresa ospitante.

Il giovane interessato all’ avvio del tirocinio formativo deve aver effettuato la registrazione nel portale nazionale Garanzia Giovani così come per l’impresa, al fine di poter acquisire disponibilità di accoglienza e competenze specifiche ricercate per il tirocinante.

Prima di essere inserito in un tirocinio formativo, il giovane deve aver effettuato un colloquio di orientamento presso il Centro Per l’Impiego ove ha residenza, un sistema di profiling che tenga conto della distanza dal mercato del lavoro del giovane (una serie di variabili, territoriali, demografiche, familiari e individuali profilano il giovane permettendo così di regolare la misura dell’azione in suo favore).

Da parte sua il soggetto ospitante il tirocinio formativo dovrà essere in regola con la normativa sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, essere in regola per gli adempimenti previsti dalla legge 68/99 (collocamento obbligatorio per le imprese aventi un numero di dipendenti superiore a 15), non aver effettuato licenziamenti nei 12 mesi precedenti l’attivazione del tirocinio (se non per giusta causa e giustificato motivo soggettivo) e non aver usufruito di CIG (anche in deroga).

Il numero dei tirocinanti che i datori di lavoro possono ospitare contemporaneamente è definito (art.68 L.R. 9/2013): datore di lavoro da 0 a 5 dipendenti, a tempo indeterminato e/o determinato, due tirocinanti; datore di lavoro con un numero di dipendenti compreso tra 6 e 20, a tempo indeterminato e/o determinato, non più di quattro tirocinanti; datore di lavoro con 21 o più dipendenti a tempo indeterminato e/o determinato: tirocinanti in misura non superiore al 20% dei suddetti dipendenti, con arrotondamento.

Per ulteriori informazioni chiamare la Cna Castelbuono allo 0921672977.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.