Genchi: “Visite in calo. E se perde il Museo Civico perde Castelbuono”

Leggo con dispiacere il comunicato della direzione del Museo Civico sulle tendenze dei flussi turistici per gli anni 2012 e 2013. Il Museo Civico rappresenta per tutti noi castelbuonesi un punto di riferimento storico, culturale e religioso che è diventato negli anni attrazione di interesse turistico per il patrimonio di cui esso dispone. Nonostante i toni trionfalistici adottati per il mero confronto con il solo anno 2012, venire a conoscenza che, negli ultimi due anni, questo valore attrattivo è scemato mi amareggia. I dati in questo caso parlano da soli: anno 2008 43.301 visitatori; anno 2009 – 39.688 visite (fino al 15 novembre); anno 2010 – 15.000 visite in soli due mesi di testarda apertura parziale (erano in corso i lavori per il rifacimento degli arredi); anno 2011 – 39.165 visite a partire da aprile (mese della piena riapertura al pubblico); 2012 e 2013 i numeri sono dati dal comunicato ufficiale del Museo Civico (#link). Sono consapevole che gli sforzi fatti dalla direzione del Museo Civico, come si evince dal comunicato, sono enormi e diffusi ma è mia opinione che questa mole di energie profuse non abbia dato i risultati sperati e ampiamente dichiarati in Consiglio Comunale. È un dato che preoccupa poiché da sempre i flussi turistici del Museo sono stati un indicatore dell’andamento degli stessi per l’economia del nostro paese. Da mesi ci siamo resi disponibili per aprire un dibattito con l’Amministrazione Comunale e provare a fronteggiare i temi della crisi a partire anche dalle tematiche turistiche e culturali. Le risposte sono sotto gli occhi di tutti e io rimango sempre più convinto che Castelbuono necessiti di un vero cambio di passo.

Giuseppe Genchi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.