Giovedì 4 al Museo Civico presentazione al pubblico del progetto “Il taglio, l’innesto, il castello”

Il Museo Civico di Castelbuono è lieto di annunciare la presentazione al pubblico del progetto “Il taglio, l’innesto, il castello” della coppia di artisti Domenico Mangano & Marieke van Rooy, vincitore del bando PAC-Piano per l’Arte Contemporanea 2020 – Linea committenza, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. I risultati del progetto saranno presentati al pubblico in una mostra, a cura di Valentina Bruschi, che aprirà giovedì 4 agosto 2022 alle ore 12.
 
Il progetto, in collaborazione con il Museo Naturalistico “F. Minà Palumbo” di Castelbuono, riconferma l’approccio e le modalità di valorizzazione culturale adottate dal Museo per la valorizzazione del patrimonio locale, “Si tratta di una iniziativa partecipativa che ha coinvolto la comunità di Castelbuono, interessando la sfera ecologica e quella sociale”, dichiara la direttrice del Museo, Laura Barreca, “e promuove e interpreta l’identità del territorio attraverso i linguaggi dell’arte contemporanea, l’arte e l’artigianato”.
 
Origine della ricerca è un esperimento artistico nella lavorazione della ceramica, ottenuto attraverso l’innesto con la manna, una resina estratta dall’intaglio del tronco degli alberi di frassino, tipici delle Madonie. Il titolo si riferisce alla ferita da cui fluisce la manna, una specie di incisione cicatrizzante che genera nuova linfa e nuove forme, se innestata in un’altra materia. Gli artisti hanno condotto un processo di ricerca sperimentale durante la residenza artistica all’interno del trecentesco Castello dei Ventimiglia, residenza nobiliare, poi trasformata in istituzione civica, destinata oggi ad attività culturali e artistiche.
 
La mostra, allestita nelle due sale espositive al piano terra del Castello, testimonia le fasi del processo creativo e il suo esito finale con la realizzazione di una installazione scultorea e performativa che coinvolge lo spettatore in una esperienza fisica, oltre che visiva. Nella Sala di San Giorgio gli artisti hanno realizzato un’installazione ambientale che dà il titolo alla mostra con sculture in ceramica, un wall-painting e un elemento scultoreo con tronchi di legno che verrà attivato dagli artisti in una performance continua dal titolo, “Tree Human”, il giorno dell’inaugurazione e mercoledì 24 agosto, quando Domenico Mangano & Marieke van Rooy parteciperanno anche ad un incontro pubblico, alle ore 18.00, con Maria Rosa Sossai, responsabile del Dipartimento Progetti Partecipativi del Museo Civico. Nelle Ex-Scuderie, gli artisti presentano inoltre un gruppo di 10 lastre incise in rame dal titolo“Testi innesti”: matrici poetiche che diventano rebus, dove si innestano pensieri e lingue diverse (inglese e siciliano), distanti tra loro ma unite in un dialogo a tratti surreale, utilizzate per il video proiettato sulla facciata del Castello durante i concerti dell’Ypsigrock Festival.
 
Il progetto ha previsto inoltre una serie di laboratori per bambini curati da Stefania Cordone, coordinatrice del Dipartimento Educazione del Museo Civico, che si svolgeranno il 5 e il 6 agosto dalle 10.30 alle 12 su prenotazione tramite l’email: [email protected]
Per il finissage della mostra, nel mese di ottobre, verrà presentato un libro dedicato al progetto, edito da Hopefulmoster, con testi di Mariaenza Puccia, presidente del Museo Civico di Castelbuono; Laura Barreca, direttrice; Valentina Bruschi, curatrice; Maria Rosa Sossai, curatrice del programma pubblico e del collettivo aterraterra (Luca Cinquemani e Fabio Aranzulla), dedicato al tema degli “innesti” tra arte e natura.