“I Re di Roma”, l’ultimo libro di Lirio Abbate

È in libreria ”I Re di Roma. Destra e sinistra agli ordini di mafia capitale” l’ultimo libro del giornalista Lirio Abbate scritto a quattro mani assieme a Marco Lillo ed edito da chiarelettere.  Condividiamo l’articolo di Attilio Bolzoni, pubblicato qualche giorno fa su repubblica.it. 

 

La Roma mafiosa che fingiamo di non vedere. E quegli affari di Totti

Questo libro è dedicato a chi ha fatto finta di niente e ha preferito voltarsi dall’altra parte. Leggetelo, almeno sfogliate qualche pagina, cercate un nome, controllate se – per caso – sotto casa vostra o dentro al ristorante dove di solito andate a mangiare con i vostri amici c’è puzza. Puzza di mafia. Potete mostrare meraviglia, restare a bocca aperta, balbettare qualche scusa, ma d’ora in poi nessuno vi crederà più. Nella migliore delle ipotesi qualcuno vi dirà che siete dei fessi, che avete frequentazioni poco raccomandabili, che pur mostrandovi sempre e ovunque molto politicamente corretti siete stati trascinati in una zona di confine molto scivolosa, “terra di mezzo” la chiama un fascio-boss che tutti conoscono come “Er Cecato”. Non ve n’eravate accorti? La mafia c’è davvero anche a Roma?

Il libro di Lirio Abbate e Marco Lillo, reporter allenati a inseguire indizi e a metterli sapientemente uno dietro l’altro, è una spietata fotografia della capitale e insieme un resoconto da brivido sulle complicità – politica di destra e di sinistra, soubrette, calciatori famosi, attori, cantanti, ultras, “padroni” di cooperative rosse e rispettabilissimi professionisti al di sotto di ogni sospetto – con un sistema criminale che per troppo tempo è stato protetto dal silenzio.

Lirio Abbate: ”Storie incredibili di spartizione della città, ecco chi sono i re di Roma”

Prima di anticipare cosa concedono i capitoli di “I re di Roma” (Chiarelettere, in libreria da oggi), riportiamo subito uno dei tanti dettagli inediti contenuti in quest’indagine giornalistica, che comprende sì una ricostruzione giudiziaria, ma che ha la sua origine sul campo, dal mestiere di chi racconta la realtà che ha intorno.

Il dettaglio da segnalare riguarda un’elargizione di 5 milioni di euro spalmata in sei anni in favore dell’Immobiliare Ten, amministrata dal 2009 da Riccardo Totti, fratello di Francesco, il capitano della Roma che di quell’immobiliare controlla l’83 per cento. Nulla di illecito, niente di penalmente rilevante – e infatti i personaggi di questa vicenda affiorano appena fra le pieghe dell’inchiesta – ma molto significativa per capire Roma e i suoi gironi con protagonisti e comparse tutti allacciati fra loro in affettuosa confidenza. È l’affare dei Caat (Centri di assistenza abitativa temporanea), 43 milioni all’anno da spendere e quel Luca Odevaine che è stato vicecapo di gabinetto del sindaco Veltroni prima e a capo della polizia municipale con Zingaretti poi, che “segue” la pratica per l’affitto di 35 appartamenti arredati a Tor Tre Teste intestati all’Immobiliare Ten. Quasi tremila euro al mese per ogni appartamento nell’estrema periferia romana, “una beneficenza al calciatore più ricco di Roma”.

Il libro di Abbate e di Lillo sulla mafia che sporca la capitale d’Italia, oltre alla mole di informazioni che ci offre e alla chiarezza dell’esposizione, ha un pregio particolare: parla di un crimine “attuale”. È cronaca in diretta, accade tutto sotto il nostro naso. Merito anche dei magistrati che quest’inchiesta hanno sviluppato (da Pignatone a Prestipino, da Ielo a Tescaroli a Cascini) insieme ai carabinieri del Ros, un’inchiesta che può considerarsi a pieno titolo “apripista”. Questo libro, ecco il valore, guarda dentro un “laboratorio” criminale.

Si comincia dal racconto di come è nata una copertina dell’Espresso e si arriva “al Comune agli ordini di Massimo Carminati”, si passa dall’esercito degli “impresentabili” dell’ex sindaco Alemanno e dalla “santa alleanza” fra i rossi e i neri. All’ultima pagina manca il respiro. Però, d’ora in poi, sarà più difficile dire: io non ne sapevo nulla.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.