I sindaci delle Madonie ricorrono alla Magistratura per mantenere il punto nascite a Cefalù

[Comunicato Stampa]

Durante la trasmissione di domenica 19 febbraio 2012 su Radio Cammarata, i Sindaci presenti del Distretto Sanitario di Cefalù hanno dato mandato al Sindaco di Cefalù per fare ricorso contro la scelta del Governo Regionale di chiudere il punto nascita di Cefalù, privilegiando quello di Termini Imerese che ad oggi non ha requisiti tecnici e sanitari, requisiti in possesso dell?Ospedale Giglio S.Raffaele di Cefalù.
Vista l?insensibilità da parte della politica regionale di ascoltare le istanze del territorio, considerato che la scelta di Termini Imerese è più politica che organizzativa, i Sindaci ricorreranno per via giudiziaria a questa insensibilità e prevaricazione nei confronti di un comprensorio che ha lavorato per sviluppare percorsi di qualità in tutti i settori.
Il Sindaco di Castelbuono Mario Cicero, dichiara che, questo percorso è obbligato per sostituirci ai ritardi e alle inadempienze del Consiglio di Amministrazione dell? Ospedale Giglio -S.Raffaele che ad oggi, mostra molta arrendevolezza agli interessi della politica, basta vedere anche la chiusura e la gestione degli altri reparti.
Il Sindaco Mario Cicero si augura anche che ci sia una adeguata mobilitazione da parte delle istituzioni del territorio e dei portatori sani di interesse del comprensorio per salvaguardare il presidio sanitario di Cefalù.

1 commento

  1. Le immagini tv che abbiamo visto in questi giorni dei Pronto Soccorso romani strapieni di gente disperata e costretta a stare come in quegli ospedali di città in zone di guerra, dovrebbero farci riflettere sull?opportunità di tagliare ancora posti letto al solo scopo di risparmiare denaro alla spalle del diritto alla salute e ad una cura dignitosa di tutti gli italiani. In un Paese in crisi come l?Italia, è giusto eliminare gli sprechi, ma non si devono tagliare mai risorse fondamentali per le cure essenziali soprattutto, quando sono dettate da meri fini politici come p.e. la scelta di chiudere il reparto di Ostetricia dell?Ospedale S.Raffaele-Giglio di Cefalù. Per cui l?assessore alla sanità Russo e tutto il governo della Regione Sicilia, si devono ricredere al più presto su questa scelta ingiusta.
    E in generale, in un Paese serio, per quanto possa essere in crisi, non si deve mai tagliare indiscriminatamente con un ?macete? su settori primari e vitali come: SANITA?, WELFARE E SICUREZZA.

    Antonio2

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.