I suidi nei men? dei ristoranti castelbuonesi

a| RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO | I ristoranti di Castelbuono cominciano a proporre tra i loro piatti la carne controllata dei suidi (cinghiali). Tutto ci? da quando ? sta emessa l?ordinanza del Sindaco, tendente a ridimensionare la presenza dei suidi nel territorio (considerati i danni alla flora ed alla fauna, alle culture dei cittadini e il disastro arrecato alle opere quali recinzioni, muretti di sostegno, cunette etc, e al grosso pericolo a cui ? esposto l?uomo).

Con l?ordinanza emanata si intende bloccare anche il fenomeno dei bracconieri che macellano gli animali in modo clandestino. I nostri cacciatori, addetti alle battute, sono accompagnati dalle forze di polizia ed hanno l?obbligo di portare gli animali abbattuti presso il nostro macello comunale per sottoporre i suidi a tutti i controlli della profilassi sanitaria, garantendo cos? la qualit? della carne.
Bisogna apprezzare la responsabilit? della maggior parte dei nostri ristoratori che non hanno mai ceduto alle tentazioni di commercializzare carni non controllate.
Oggi possiamo invitare i cittadini ed i turisti che hanno piacere di consumare questa qualit? di carne, consapevoli che sono controllate e, a tal proposito, qualche ristorante (“La Corte del Conte” e “Ranch San Guglielmo”) ne ha gia fatto richiesta per poterla offrire ai propri clienti.
E? intendimento del Sindaco Cicero dare la giusta divulgazione di tale notizia augurandosi che venga presa ad esempio da altri, in quanto ? indispensabile dare certezze ai fruitori della qualit? offerta dall’eccelente comparto della ristorazione castelbuonese.

Mario Cicero
Sindaco di Castelbuono

4 Commenti

  1. “Bisogna apprezzare la responsabilit? della maggior parte dei nostri ristoratori che non hanno mai ceduto alle tentazioni di commercializzare carni non controllate.”
    Io inviterei piuttosto ad apprezzare talune affermazioni. L’affermazione, di cui non si vuole negare in maniera assoluta la minima possibilit? di mendace dichiarazione, potrebbe tuttavia peccare di utilizzo spropositato di avverbio temporale. Ma nessuno dubit? “mai” delle rassegne stampa dei sindaci italiani.

  2. Sta volta erano i suidi, e quando a dare “fastidio” saranno gli uomini……

    La Natura non serve. Meglio il cemento e le doppiette a sedici anni per sterminare i pochi animali selvatici in circolazione. La LIPU ha esaminato il disegno di legge Orsi e l’ha comparato alla legge di protezione della fauna esistente. Franco Orsi del PDL dovrebbe chiamarsi “Big Hunter” o “Il Figlio di Boss(ol)i”. Dovremmo introdurre le ronde per vigilare sui parlamentari. Ogni giorno cercano di rendere la nostra vita pi? miserabile.
    Riporto, tra le tante ricevute, una mail sul disegno di legge Orsi.

    “Il disegno di legge del senatore Franco Orsi: una lista di orrori senza fine.
    Dal Senato della Repubblica parte in questi giorni uno dei pi? gravi attacchi alla Natura, agli animali selvatici, ai parchi, alla nostra stessa sicurezza: un disegno di legge di totale liberalizzazione della caccia. E’ firmato dal senatore Franco Orsi.
    Animali usati come zimbelli, caccia nei parchi, riduzione delle aree protette, abbattimenti di orsi, lupi, cani e gatti vaganti e tante altre nefandezze.
    La legge 157/1992, l?unica legge che tutela direttamente la fauna selvatica nel nostro Paese, sta per essere fatta a pezzi.

    Ecco la lista degli orrori:
    – Sparisce l?interesse della comunit? nazionale e internazionale per la tutela della fauna.L?Italia ha un patrimonio indisponibile, che ? quello degli animali selvatici, alla cui tutela non ? pi? interessato!
    – Scompare la definizione di specie superprotette. Animali come il Lupo, l?Orso, le aquile, i fenicotteri, i cigni, le cicogne e tanti altri, in Italia non godranno pi? delle particolari protezioni previste dalla normativa comunitaria e internazionale.
    – Si apre la caccia lungo le rotte di migrazione. Un fatto che arrecher? grande disturbo e incentiver? il bracconaggio, in aree molto importanti per il delicatissimo viaggio e la sosta degli uccelli migratori.
    – Totale liberalizzazione dei richiami vivi! Sapete cosa sono i richiami vivi? Gli uccelli tenuti ?prigionieri? in piccolissime gabbie per attirarne altri. Gi? oggi questa pessima pratica ? consentita, seppure con limitazioni. Ma il senatore Orsi vuole liberalizzarla totalmente Sar? possibile detenerne e utilizzarne un numero illimitato. Spariranno gli anelli di riconoscimento per i richiami vivi. Sar? sufficiente un certificato. Uno per tutti! Tutte le specie di uccelli, cacciabili o non cacciabili, potranno essere usate come richiami vivi. Anche le peppole, i fringuelli, i pettirossi.
    – 700 mila imbalsamatori. I cacciatori diventeranno automaticamente tassidermisti, senza dover rispettare alcuna procedura. Animali uccisi e imbalsamati senza regole. Quanti bracconieri entreranno in azione per catturare illegalmente animali selvatici e imbalsamarli?
    – Mortificata la ricerca scientifica. L?Autorit? scientifica di riferimento per lo Stato (l?Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica, oggi ISPRA) rischia di essere completamente sostituta da istituti regionali. Gli istituti regionali rilasceranno pareri su materie di rilevanza nazionale e comunitaria. Potenziale impossibilit? di effettuare studi, ricerche e individuazione di standard uniformi sul territorio nazionale.
    – Si apre la caccia nei parchi a specie non cacciabili. Un?incredibile formulazione del Testo Orsi rende possibile la caccia in deroga (cio? la caccia alle specie non cacciabili) addirittura nei Parchi e nelle altre aree protette! Saranno punite le regioni che proteggono oltre il 30% del territorio regionale! Norma offensiva! Chi protegge “troppa” natura sar? punito. Come se creare parchi dove la gente e gli animali possano vivere e muoversi sereni, fosse un reato!
    – Licenza di caccia a 16 anni. Invece che educare i ragazzi al rispetto, ecco a voi i fucili!
    – Liberalizzato lo sterminio di lupi, orsi, cervi, cani e gatti vaganti eccetera! Un articolo incredibile, che d? a i sindaci poteri di autorizzare interventi di abbattimenti e eradicazione degli animali, in barba alle pi? elementari norme europee. Baster? che un singolo animale ?dia fastidio?. Un vero e proprio Far West naturalistico.
    – Leggi regionali per cacciare specie non cacciabili. Non sono bastate quattro procedure di infrazione dell?Unione europea, non sono bastate due sentenze della Corte Costituzionale. Il senatore Orsi regaler? a Veneto e Lombardia, ovvero agli ultr? della caccia, la possibilit? di continuare a cacciare specie non cacciabili, e di farlo con leggi regionali. E le multe europee le pagheremo noi!
    – Caccia con neve e ghiaccio. Si potr? cacciare anche in presenza di neve e ghiaccio, cio? in momenti di grandi difficolt? per gli animali a reperire cibo, rifugio, calore.
    Ritorno all?utilizzo degli uccelli come zimbelli! Puro medioevo! Le civette legate per zampe e ali e utilizzate come esca!
    – Ridotta la vigilanza venatoria. Le guardie ecologiche e zoofile non potranno pi? svolgere vigilanza! Nel Paese con il tasso di bracconaggio tra i pi? alti d?Europa, cosa fa il Senatore Orsi? Riduce la vigilanza!
    – Cancellato l?Ente Nazionale Protezione Animali dal Comitato tecnico nazionale. Le associazioni ambientaliste presenti nel Comitato sulla 157 saranno ridotte da quattro a tre. L?ENPA, storica associazione animalista italiana, viene del tutto estromessa
    Diffondete questo documento, iscrivetevi alle liste in difesa degli animali selvatici che stanno nascendo sui blog, su Facebook.
    Evitiamo che l?Italia precipiti in questa forma di barbarie. La natura ? la nostra vita.”
    Testo disegno di legge Franco Orsi (PDL) confrontato con la legge esistente, dal sito della LIPU

    1. Contattate i componenti della Commissione Territorio e Ambiente del Senato che devono discutere la legge Orsi.
    2. Inviate una mail con la vostra opinione e/o suggerimenti sulla legge a Franco Orsi
    3. Partecipate al gruppo su Facebook (http://www.facebook.com/inbox/readmessage.php?t=1076715608877&mbox_pos=0)

  3. La carne deicinghiali non pu? essere messa sul mercato bene adesso arriva pure al ristorante.

    La 157/92 e la L.r 33/97 vieta la vendita e la distribuzione delle carni anche nelle sagre paesane
    pu? essere data solo in beneficenza. Ma le leggi non contano

  4. E cosa dire dei cacciatori che sparano indisturbati senza nessuno che li controlla senza rispettare gli orari fuori dalle giornate assegnate, sono sempre le stesse persone, quest anno si ? prolungata la caccia i maiali sono in fase riproduttiva molte le scrofe abbattute che lasciano 8-10 piccoli che vanno incontre a morte sicura. Nessuno parla c’? chi chiude un occhio c’? chi non ci vede propio ma c’? chi come i palermitani invadono le nostre campagne e presto si vedranno i risultati

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.