Il Castelbuono comincia col piede giusto. Vittoria casalinga di misura sul Racalmuto

[MADONIEPRESS – Rosario Cusimano] Superato di misura il Liberta Racalmuto. Risolve Guastella

Pol. Castelbuono-Libertas 2010: 1-0

 

Tabellino:

Castelbuono 4-3-3: Fagone, Di Salvo, Inserauto, Alosi, Bertolino (58’ Città), Parisi, Megna, Morello, Calabrese (89’ Lanza), Guastella (76’ Sorrentino), Venuti. All. Ricca. A disposizione: Chiaramonte, Arena, Raia, Iacuzzi.

Libertas 2010 4-3-1-2: Maltese, Giannola, La Mendola (80’ Russo), Argento, Licari, Armenio, Lucchese (75’ Gibilaro), Sciacca, Arnone, Pirrotta, Cozma. All. Balsamo. A disposizione: Milizia, Anelli, Noto, Zaffuto.A, Zaffuto.M.

Arbitro: Giuseppe Marcello Griffo di Palermo

Reti: 72’ Guastella

Note:ammoniti Megna, Giannola, Sciacca. Espulsi: Argento per doppia ammonizione e Alosi per intervento non regolamentare

 

Castelbuono- Massimo risultato col minimo sforzo per la Polisportiva Castelbuono che supera di misura la Libertas 2010 di Racalmuto nella prima di campionato. Una gara spinosa e poco spettacolare quella contro la compagine biancoazzurra di mister Balsamo, decisa da un lampo di capitan Guastella a un quarto d’ora dal triplice fischio. In attesa di un gioco più spumeggiante, quello che contava in casa madonita era il risultato che, seppur con qualche affanno di troppo, è arrivato per la gioia dei numerosi spettatori che hanno ancora una volta gremito gli spalti del “Luigi Failla”. La cronaca. L’inizio del match è piuttosto compassato con i giallorossi padroni di casa che tengono costantemente in mano il pallino del gioco senza però creare grossi grattacapi alla retroguardia agrigentina. Al 34’ un episodio che avrebbe potuto spianare la strada alla Polisportiva Castelbuono. Il capitano ospite Argento interviene in maniera scomposta su Morello al limite dell’area. Per lui secondo cartellino giallo nell’arco di pochi minuti e Libertas costretta giocare quasi un’ora in inferiorità numerica. Qualche minuto più tardi arriva l’unica conclusione verso lo specchio della porta della prima frazione. Calcio di punizione liftato di Guastella e spettacolare intervento in tuffo di Maltese che smanaccia in calcio d’angolo. Si va al riposo a reti inviolate e con la netta sensazione che lo sforzo profuso nel primo tempo possa non essere sufficiente per scardinare l’ordinata difesa biancoazzurra. Una volta rientrati dagli spogliatoi, i giallorossi provano a premere sull’acceleratore soprattutto con l’ottimo Venuti, che salta l’uomo con una facilità disarmante, collezionando una infinità di calci di punizione. Su uno di questi Alosi sfiora il bersaglio grosso, con una conclusione a giro di poco alta. Al 52’ altro spunto ubriacante di Venuti dalla sinistra e filtrante per l’accorrente Guastella che però cicca malamente il pallone da ottima posizione. Mister Ricca prova allora ad aumentare il potenziale offensivo della sua squadra inserendo Città al posto di Bertolino. Un attaccante per un difensore con conseguente passaggio ad uno spregiudicato 4-2-4. Al 72’ la rete che decide l’incontro. Palla alta nel cuore dell’area di rigore per Città che spizza all’indietro a favore di Guastella. Il capitano sorprende tutti con un astuto colpo di testa in controtempo che termina la sua corsa in fondo al sacco: 1-0. Nell’occasione l’autore del gol rimedia una brutta botta al volto e sarà per questo costretto ad abbandonare il terreno di gioco qualche minuto più tardi. A cinque minuti dal termine rosso diretto sventolato ad Alosi, reo di un intervento a gamba tesa ai danni di un avversario. Per pochi minuti si ristabilisce dunque la parità numerica, ma il risultato con cambia e a sorridere è il Castelbuono.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.