Il Consiglio Comunale aderisce alla campagna “Un posto occupato” contro la violenza sulle donne

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] Anche il Consiglio Comunale di Castelbuono nella seduta del 26 novembre, ha scelto di aderire alla campagna nazionale “Un posto occupato”, approvando un O.d.g. presentato all’inizio dei lavori e condiviso da tutti i consiglieri. “Posto occupato” è un’iniziativa nata su idea di Maria Andaloro, docente di storia dell’arte medievale presso l’Università della Tuscia di Viterbo che ha lanciato sul web questo modo di rendere “tangibile” la memoria delle tante donne che non hanno più voce.

Come recita lo slogan della campagna “Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto nella società, sul tram, a scuola, in metropolitana.

Questo posto vogliamo dedicarlo a loro affinché la quotidianità non lo sommerga”. Noi lo abbiamo fatto in Consiglio comunale, abbiamo “occupato il posto” in prima fila per simboleggiare un’assenza che sarebbe stata una presenza se non ci fosse stato un uomo ad ucciderla. Il posto occupato è un’idea, un dolore, un pensiero, una reazione che ha cominciato a prendere forma man mano che i numeri crescevano e cresceva l’indignazione di fronte alla notizia dell’ennesima donna assassinata.

Dall’inizio dell’ anno sono 128 le donne morte per mani assassine, 128 donne che hanno pagato con la vita la loro sottomissione o il tentativo di riscatto e sono purtroppo tantissime le donne che ogni giorno tra le mura domestiche, nei luoghi di lavoro e in tutti i posti in cui esprimono la loro personalità, sono costrette a subire violenze di ogni tipo, da quelle fisiche a quelle psicologiche.
Nella Sala delle Capriate (Badia), luogo dove si svolgono le adunanze del Consiglio comunale, da ieri sera c’è un “posto occupato” per loro, anche se loro non potranno mai più usufruirne.

Quel posto rimarrà occupato fino a quando ci trasferiremo nella sede di Via S. Anna, dove continueremo a riservare simbolicamente una sedia alle tante donne uccise dall’ egoismo di un uomo.

Questo gesto vuol essere un monito di grande impatto visivo che invita all’esercizio della memoria i frequentatori del Consiglio, i quali eviteranno di sedersi nel posto e saranno costretti a fare i conti con la presenza-assenza della donna uccisa, perché in quel posto non potranno più sedersi.

Affinché non vengano dimenticate.

Il Presidente del Consiglio
Gian Clelia Cucco