?Il latino non serve a niente e la morte dei cassonetti.?

Il latino non serve a niente. Anni di studio su versioni, poetica e storia antica per poi ritrovarsi a quarant’anni ad essere un’insegnante precaria senza uno stipendio dignitoso e senza certezze per il futuro. E’ davvero disperata la professoressa di latino che ha scritto una lettera a Repubblica col sapore di resa. Come darle torto. Ha perso l’entusiasmo e la credibilit? per invogliare gli alunni a sbattersi su una versione di latino,?perch??lei l’ha fatto ed era una studentessa modello che ha passato la vita sui libri e credeva nel potere delle lettere e della cultura per il bene della societ?. Ma i suoi sacrifici oggi non valgono nulla. E’ esattamente inutile, precaria per lo Stato e per la vita. Un vero fallimento. Concorderanno con lei i liceali che odiano il latino, non c’? dubbio. Per? quelli che lo amano o l’hanno amato abbiano il coraggio di dire il contrario. Supportino, se ci riescono, il contrario convincendo la professoressa che in realt? c’? speranza in futuro per chi crede nel latino, nella letteratura, nella filosofia. Per? devono convincerla che ne vale la pena anche con uno stipendio di poco superiore ai 1000 Euro e con una ventina di ragazzi sognatori a cui ogni mattina spiegare, con onest? intellettuale, che studiare li aiuter? ad essere qualcuno nella vita.

Per sbarcare il lunario si ? disposti ad inventarsi la qualsiasi. Chi ha sposato la figlia di Tot? Riina deve stare attento a non cadere troppo nell’occhio?perch? ? inevitabile sospettare che qualsiasi iniziativa imprenditoriale possa sorpassare la sottile linea di demarcazione tra ci? che ? lecito e ci? che non lo ?. Di certo il palmares del suocero, pluriergastolano, ? difficilmente imitabile e allora si fa difficolt? a trovare qualcosa di veramente originale. Cos? Tony Ciaravello, genero del capo dei capi, si era messo a vendere finti divorzi lampo, cio? dei veri e propri pacchetti vacanza di quaranta giorni in Spagna, dove la legge consente rapidissime risoluzioni di pratiche di divorzio, ma Ciaravello non ? un avvocato e non potrebbe presentare istanze di divorzio?n??in Italia?n??tanto meno all’estero. E allora la Guardia di Finanza ha scoperto una societ? con sede a Londra con un?fatturato da 100 Milioni di Dollari creata ad hoc dal genero di Riina, che ora dopo il dovuto processo, potrebbe ricongiungersi agli affetti familiari. Per? al fresco.

Infine volevo dedicare un’ode funeraria in ricordo dei cassonetti nuovi del quartiere Ballar? a Palermo, che installati qualche giorno fa, dopo poche ore hanno visto una fine prematura. Sono stati ritrovati ribaltati e privati delle ruote perch?, a stare a quel che dicono i passanti, le stesse sono utili ai venditori ambulanti del vicino mercato. Non ci resta che augurare che i cassonetti raggiungano un posto migliore, dove le loro anime potranno bearsi della pace eterna, lontana dalle violenze di un mondo che non riesce ad apprezzarli e gli fotte le ruote. Muoiono degli incolpevoli cassonetti e assieme a loro se ne va anche un pezzo della civilt? di una citt?, e non si sa quanto ce ne resti.

Con questo necrologio si chiude OltreFiumara. Ringraziamo coloro i quali hanno fornito preziosi consigli sui temi da trattare, sia che le loro richieste abbiamo avuto l’approvazione e il prestigio di essere citate nella nostra rubrica sia che non abbiamo trovato spazio.

?Oltre Fiumara ? Rubrica settimanale che apre uno spiraglio tra le cinta murarie del borgo, per far passare qualche notizia fuori dal comune.?