Il M5S Castelbuono invita l’amministrazione ad attivare l’iter per la richiesta dei fondi dell’ 8 per mille destinati alle scuole

[Riceviamo e pubblichiamo] Il Movimento 5 Stelle scatena in Sicilia la corsa ai fondi dell’otto per mille delle tasse da destinare all’edilizia scolastica.
Grazie all’approvazione di un emendamento alla legge di stabilità targato M5S, infatti, da quest’anno per i cittadini sarà possibile destinare l’otto per mille dell’Irpef anche alle opere di ristrutturazione, messa in sicurezza, adeguamento antisismico ed efficientamento energetico degli istituti scolastici pubblici di ogni ordine e grado.
Una grande vittoria che permetterà a tantissime scuole di rifarsi il look e di presentarsi in futuro in perfetta efficienza e, soprattutto, in condizioni di sicurezza, all’appuntamento con gli alunni ed insegnanti.
C’è però pochissimo tempo per farlo. La domanda che le pubbliche amministrazioni dovranno presentare allo Stato va infatti approntata entro il prossimo 30 settembre, anche se una proroga sembra già profilarsi all’orizzonte, visto che ancora deve essere pubblicato il decreto attuativo della norma.
In ogni caso i meetup della Sicilia occidentale si sono attivati per sollecitare le amministrazioni a rispettare la scadenza. Altre iniziative sono in corso nella Sicilia orientale.

Tramite gli attivisti dei vari meetup – afferma la palermitana Chiara Di Benedetto, deputata e componente della commissione cultura della Camera – stiamo presentando ai vari Comuni un invito affinché sindaci e consigli comunali convochino urgentemente le rispettive assemblee, al fine di attivare tutte le procedure amministrative per individuare gli interventi da realizzare e poter presentare poi la richiesta al governo di accesso alla fetta dei fondi dell’otto per mille destinati all’edilizia scolastica”.
Ai Comuni dove non arriverà l’invito per iscritto Chiara di Benedetto lancia tramite i media un appello a produrre le istanze.
“E devono farlo non solo i Comuni – afferma la Di Benedetto – l’invito è rivolto infatti anche alle ex Province regionali, da cui dipendono tantissimi istituti superiori”.
L’emendamento 5 Stelle potrebbe essere un toccasana per tantissimi istituti scolastici, oggi in condizioni veramente pessime.
“L’ultimo rapporto di Cittadinanza attiva – rivela la Di Benedetto – fotografa una situazione disastrosa in Sicilia per quanto riguarda l’edilizia scolastica: gli edifici che necessitano di manutenzioni urgenti sono il 57 per cento, mentre quelli che utilizzano fonti rinnovabili sono poco più del 13 per cento. Palermo, solo per fare un esempio è al terz’ultimo posto per qualità delle scuole”.
Oltre a fare approvare l’emendamento, il Movimento sta cercando di difendere la fetta di tasse destinata alle scuole, che rischia di assottigliarsi.
“Si sta cercando – spiega la parlamentare – di inserire tra i beneficiari dell’otto per mille anche il Fondo edifici di culto, cosa che per il momento siamo riusciti a congelare”.
Dalla Di Benedetto, infine, arriva una stoccata al governo. “Ci vorrebbe – dice – una visita al giorno del premier in Sicilia. Non che la cosa ci faccia fare salti di gioia, ma se i risultati sono scuole rimesse completamente a nuovo e tirate a lucido, come avvenuto per la Don Puglisi, siamo disposti a fare questo sacrificio”.

La richiesta inviata all’amministrazione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.