Il quadro ?miracoloso? di san Michele, nuovo culto sulle Madonie

[SICILIAINFORMAZIONI] In tempi di crisi, sentir parlare di miracoli, veri o presunti, dà un certo sollievo. Se poi questi avvengono dietro l?angolo, il tutto è ancora più suggestivo. Come nel caso del quadro ?prodigioso? di San Michele Arcangelo (nella foto), deposto da poco più di due mesi alle pendici del Monte Alto, sulle Madonie. La storia è di quelle da prendere con cautela, ma vale la pena raccontarla.

L?ARCANGELO IN SOGNO – Protagonista è Salvo Valenti, un commerciante di 28 anni, originario di Palermo, ma che lavora nella vicina Ficarazzi, a cui sarebbe apparso più volte in sogno l?Arcangelo, invitandolo a deporre nei pressi di una sorgente sulle Madonie, un quadro che lo ritrae e di cui Valenti è proprietario. Il giovane, da sei anni a questa parte, sarebbe in contatto ?onirico? con San Michele e,  grazie alla sua intercessione, si sarebbero manifestati diversi eventi ?miracolosi? da un capo all?altro della Sicilia.

IL LUOGO DEL QUADRO ? Così, dopo l?autorizzazione da parte dell?Ente Parco delle Madonie, il 13 maggio scorso il quadro è stato posizionato all?interno di un?edicola votiva in legno, a 1.300 metri di quota, proprio vicino ad una fonte, nello stesso luogo che avrebbe visto in sogno il giovane commerciante palermitano. Non tanto distante, tra l?altro, dal celebre santuario di Madonna dell?Alto. ?All?inizio non sapevo dove collocare il quadro, ? racconta Salvo Valenti a SiciliaInformazioni ? mi era stato indicato un posto tra Polizzi Generosa e le Petralie. L?unico riferimento era che, in direzione della pietra sopra cui doveva stare il quadro, si sarebbe dovuta vedere una Madonna vestita di bianco. Io non conoscevo la zona, così grazie ad alcuni conoscenti, ho contattato un pastore che mi ha aiutato ad individuare il luogo. Io gli ho raccontato quello che mi era stato detto in sogno e lui mi ha confermato che il posto esiste davvero, ed è quello dove ora è stato posizionato il quadro?. Accanto al dipinto, inoltre, si può leggere il ?dettato? che Valenti avrebbe ricevuto da San Michele.

MIRACOLI? ? Adesso il luogo è diventato, in pochi mesi, meta di pellegrinaggio da parte di molti fedeli, che quotidianamente si recano a pregare davanti al quadro. Inoltre, l?eco dei presunti miracoli dell?Arcangelo sta facendo velocemente il giro dell?Isola. Secondo quanto ha riferito Valenti, infatti, in molti sarebbero stati aiutati dal Santo. ?A Messina, una persona, a seguito di un grave incidente sul lavoro, ? racconta il commerciante ? era stata dichiarata deceduta. Un ferro gli aveva trapassato lo stomaco. Mi hanno telefonato, abbiamo pregato insieme San Michele e questa persona miracolosamente si è svegliata?. Poi c?è la storia di una coppia con serie difficoltà a procreare, che avrebbe avuto un figlio grazie alla presenza del quadro di San Michele in casa. ?Ho portato il dipinto nel loro appartamento ? prosegue Valenti ? e la coppia ha concepito il bimbo che adesso è nato, ha tre mesi, e si chiama Michele?.

CAUTA LA CHIESA ? Ma di fronte ad episodi del genere, la Chiesa rimane cauta. ?Ho informato il vescovo della Diocesi di Cefalù, ? spiega al telefono l?arciprete della Chiesa Madre di Petralia Sottana, don Santo Scileppi ? che mi ha detto di seguire la pratica con grande prudenza e attenzione. È stato anche informato l?arcivescovo di Palermo, che rappresenta la diocesi di provenienza del giovane Valenti. Di fronte a fatti del genere non bisogna creare entusiasmi che diventano fuochi di paglia, ma neppure esorcizzare l?evento?. Miracoli o no, il quadro di San Michele sulle Madonie è già un culto.