In Sicilia il parco astronomico più innovativo d’Europa

[ANSA.it] E’ in dirittura d’arrivo il Parco astronomico delle Madonie (Pam), la struttura di questo tipo più innovativa in Europa. L’inaugurazione, ad Isnello (Palermo), è prevista in primavera. E’ stato presentato dal Nobel per la Fisica George Fitzgerald Smoot, l’astrofisico e cosmologo statunitense che è stato il primo a fornire una prova della correttezza della teoria del Big Bang.

Finanziamento con 15 milioni di euro (di cui 7,5 a carico del Cipe), il Parco astronomico comprende una stazione osservativa per la ricerca, un grande planetario digitale con 75 posti, una terrazza osservativa con 12 strumenti di osservazione, un radiotelescopio con parabola di 2,3 metri, un laboratorio astronomico all’aperto con orologi solari di vario tipo, un mappamondo monumentale con supporto ed asse di rotazione, un planisfero, laboratori didattici e un museo multimediale. La stazione di ricerca ospiterà un grande telescopio al quale ricercatori di tutto il mondo potranno collegarsi online per utilizzarlo.

La scelta di Isnello come punto di osservazione ideale risale agli inizi degli anni ’70, quando gli astronomi italiani indicarono Piano Battaglia come il luogo migliore per osservare il cielo e ospitare il telescopio nazionale. Dopo 40 anni, la stazione planetaria è diventata realtà: il Pam sorge infatti nel parco delle Madonie, sul Monte Mufara, che con i suoi 1.865 metri d’altezza è il sito astronomico più alto d’Italia, Per Smoot ”il progetto del Parco astronomico di Isnello è un gioiello dell’umanità: il suo telescopio sarà capace di osservare uno spazio di cielo dieci volte il diametro della luna piena e di esaminare 50 miliardi di galassie”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.