Integralmente: un laboratorio teatrale per sviluppare la creatività

Dopo la pausa estiva riprendono le attività con l’associazione Ceres, i   nostri ragazzi   partecipano al laboratorio teatrale che viene gestito dagli operatori della comunità Sant’Anna e del centro di riabilitazione suor Rosina La Grua in collaborazione con i volontari del CE.RE.S presso i locali della chiesa dell’Itria messi a disposizione da Padre Lorenzo Marzullo.

L’attività teatrale come strumento per stimolare la formazione, allenarsi ad affrontare le proprie paure, imparare a conoscere sé stessi.  L’esperienza del teatro favorisce i processi integrativi e di socializzazione dei disabili e ha il potere di liberare la diversità di ognuno di loro, trasformandola in forma di partecipazione anche nella vita di tutti i giorni. Offrire la possibilità ai nostri ragazzi di recitare significa porli   in una dimensione “altra” da sé, offrendogli la possibilità di giocare un ruolo nella finzione, rispettando tempi, ritmi e contenuti di una conversazione predeterminata e a volte innaturale, ma spontanea nella forma. Pochissimo il parlato, tanti i movimenti a suon di musica e vibrazioni, la mimica, i colori, le sensazioni tattili.

L’attività permetterà ai ragazzi di   interagire, comunicare, socializzare e divertirsi. Sarà una recita   dal significato particolare, lo spettacolo di   Natale che andrà in scena a dicembre. Il linguaggio poetico che questi ragazzi possiedono, ma che spesso non riescono ad esprimere, è la loro forza, il punto fermo sul quale costruire un percorso artistico.

L’A.S. della Comunità Sant’Anna

Dr.ssa Giuseppina Giambelluca

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.