Isnello. Regione generosa, il sindaco rifiuta 1500 euro

[lavoceweb.com ]Per fare nascere il parco astronomico di Isnello sono stati necessari anni di studi e di osservazioni scientifiche. E un investimento di 13 milioni. Solo per l’inaugurazione della struttura la Regione ha offerto un bonus di 1.500 euro. Senza neppure dire grazie, il sindaco Pino Mogavero ha restituito i soldi al mittente: l’assessore regionale al turismo, Anthony Barbagallo. “Ben fatto. E che si vergognino” è il commento di Mario Di Martino, , astonomo dell’Inaf e anima scientifica del parco.
La storia del contributo rifiutato è raccontata con l’esilarante linguaggio burocratico di due note. Una è della Regione siciliana che offre, appunto, 1500 euro per patrocinare l’inaugurazione l’11 settembre del parco astronomico di Isnello, uno dei più grandi del mondo. L’altra è firmata dal sindaco del piccolo paese delle Madonie, Pino Mogavero, che restituisce il contributo dell’assessore Barbagallo, con un gesto plateale accompagnato da una piccata spiegazione: “Considerate la valenza più che regionale dell’iniziativa già ampiamente rappresentata e l’entità di quanto viene assegnato, assolutamente inadeguato, si comunica la rinuncia al contributo e al patrocinio da parte di codesto Assessorato”.
E dire che, nella lettera al sindaco del 10 agosto 2016, l’assessore Barbagallo si era detto “lieto di comunicare l’accoglimento della richiesta di patrocinio oneroso e la concessione di un bonus di euro 1.500”. Per potere incassare il contributo l’amministrazione comunale di Isnello era tenuta “ad attenersi scrupolosamente alle disposizioni relative alla documentazione da presentare per la rendicontazione dell’iniziativa”, da inviare agli uffici regionali: il servizio 6° “Manifestazioni ed Eventi” del Dipartimento Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo dell’Assessorato. Lo sfoggio di maiuscole era nella lettera dell’assessore (anzi dell’ASSESSORE) dove c’era pure una prescrizione: “Si raccomanda, inoltre, di apporre il logo istituzionale di questo Assessorato su ogni mezzo di comunicazione e diffusione idoneo alla promozione dell’iniziativa”.
Non sarà necessario mettere insieme carte, resoconti, bolli e protocolli come indicato puntigliosamente dalla circolare n. 15043 del 12 giugno 2015. Mogavero ha preferito rinunciare ad alimentare la catena burocratica.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.