La ?Citt? a rete Madonie-Termini?? in rete. Banda larga per 29 comuni

[GERACINEWS] Un accordo di partenariato di grande rilevanza per il territorio Madonita e per l?intera Sicilia, quello che vedr? la luce il prossimo 7 giugno alle ore 16.00, presso la sala consiliare del Comune di Collesano che ne ? stato il promotore.

Quasi ovunque nei grandi centri urbani sono disponibili connessioni Internet a banda larga in grado di costituire quella sorta di ?autostrada digitale? su cui far viaggiare video, voce e dati ad alta velocit?, mettendo cos? a disposizione di enti pubblici, privati cittadini, professionisti ed aziende quei servizi a valore aggiunto la cui importanza ? ormai paragonabile a quella di servizi primari quali l?energia elettrica, l?acqua e il telefono.

Di contro, in quei territori nei quali per la loro morfologia e per la intrinseca limitatezza del bacino d?utenza la banda larga terrestre stenta ad arrivare, si instaurano situazioni cosiddette di ?divario digitale? che costituiscono vere e proprie problematiche sociali e tecnologiche in grado di limitare pesantemente lo sviluppo sia delle Pubbliche Amministrazioni, sempre pi? chiamate ad ottimizzare la gestione con l?utilizzo contenuti tecnologici, sia dei cittadini ed ancor pi? delle imprese i cui investimenti rimangono lontani dal nostro territorio proprio per la mancanza di infrastrutture necessarie, non ultima la banda larga..

Divario destinato ad aumentare se si considera il proliferare di nuovi servizi che richiedono una elevata capacit? di banda per la fruizione (basti pensare al trasporto di immagini da telecamere di videosorveglianza o ai corsi on-line o alle sempre crescenti opportunit? di telelavoro), servizi per i quali gli attuali canali di comunicazione, anche la stessa ADSL ? peraltro non sempre disponibile -, sono e saranno sempre meno adeguati date le caratteristiche dei contenuti da trasportare e le richieste in termini di tempi di trasferimento.

La ?Citt? a rete Madonie-Termini? si lascer? presto alle spalle queste limitazioni, grazie alla realizzazione di una diffusa e capillare infrastruttura wireless (in standard HiperLan2 802.11h fino a 54Mbps) , che il partner di progetto Integrys.it realizzer? per servire l?intero territorio con i suoi 29 comuni, e i suoi 135.000 abitanti.

L?accordo prevede che Integrys.it installi, senza alcun costo per i comuni, gli apparati di connessione radio su una serie di strutture pubbliche che le singole amministrazioni aderenti metteranno a disposizione. Attraverso queste infrastrutture a bassissimo impatto paesaggistico ed ambientale verr? quindi ?ridistribuita? al territorio la banda larga che l?ente di competenza (Imera Sviluppo, Ente capofila del Centro Servizi Territoriale) acquister?, sottoscrivendo un certo numero di connessioni per i gateway in fibra ottica con la rete internet.

Gli enti pubblici otterranno benefici immediati ed evidenti, potendo disporre a costo zero di una infrastruttura di telecomunicazioni wireless ad alte prestazioni (su cui potr? fluire, sempre a costo zero, anche il traffico VoIP). Una rete che collegher? tutti gli edifici comunali oltre a quei punti ?sensibili? nei quali ? di fondamentale importanza installare apparati di rilevamento o sorveglianza che devono poi trasmettere a centri di monitoraggio o controllo (viabilit?, sicurezza, incendi, discariche abusive, ecc.).

Allo stesso modo i singoli comuni della ?Citt? a rete Termini-Madonie? saranno interconnessi attraverso dorsali radio multiple, costituendo di fatto una rete locale diffusa su qualcosa come 2345 Km quadrati.

Una citt? di pi? di 135.000 abitanti nella quale i cittadini ed imprese interessati potranno abbonarsi al servizio a banda larga, ad un costo paragonabile a quello di un normale contratto ADSL ed usufruire di connessioni Internet con velocit? fino a 200 volte superiori a quelle di un modem tradizionale e senza costi telefonici per il collegamento.

?Un grande progetto innovativo che sconvolger? il modo di operare e comunicare nella Pubblica Amministrazione e nelle comunit? locali?, ha salutato cos? il progetto il Presidente di Imera Sviluppo, Angelo Cascino, in qualit? di nuovo ente capofila del CST ?Innovazione e Sviluppo?.

?Sistemi di prenotazione scolastica o di esami medici, corsi universitari on-line, sistemi bibliotecari diffusi, cartografia territoriale, sistemi per la valorizzazione turistica del territorio, videosorveglianza, webcam, portali di dialogo tra cittadini e le imprese e tra questi e le pubbliche amministrazioni: sono solo alcuni esempi dei servizi che potranno viaggiare su questa moderna autostrada digitale, in grado di raggiungere le pi? isolate vallate del Parco delle Madonie?, dichiara l?Ing. Gioacchino Di Garbo, Project Manager di ?Innovazione e Sviluppo? che, operante su Termini e l?intero territorio delle Madonie, ? il primo Centro Servizi Territoriali ad essersi costituito in Sicilia.

?Abbiamo deciso di battezzare il progetto ?HiTeM? (HiperLan Termini Madonie)?, prosegue Di Garbo, ?anche perch? il termine si pronuncia nello stesso modo dell?inglese ?Item? che significa ?oggetto? ma anche ?parte di un programma? e quindi elemento di un sistema complessivo di servizi a valore aggiunto che intendiamo attivare proprio a partire e grazie alla disponibilit? della rete a Banda Larga?.

Il Centro Servizi Territoriali ?Innovazione e Sviluppo? (di seguito CST) ? stato costituito con Decreto dell?Assessorato Bilancio della Regione Siciliana. Esso ha come ?mission? quella di gestire in forma associata importanti servizi tecnologici sovra-comunali, tra cui l? e-Procurement, i Servizi cartografici, la Telefonia a costo zero tramite VOIP, la Videoconferenza.

Al CST aderiscono 29 comuni delle Madonie e dell?imerese con una popolazione complessiva coinvolta di oltre 120.000 abitanti. Questi gli aderenti:

Alimena
Aliminusa
Blufi
Bompietro
Caccamo
Caltavuturo
Castelbuono
Campofelice di Fitalia
Campofelice di Roccella
Castellana Sicula
Cerda
Ciminna
Collesano
Gangi
Geraci Siculo
Gratteri
Isnello
Lascari
Montemaggiore Belsito
Petralia Soprana
Petralia Sottana
Polizzi Generosa
Pollina
San Mauro Castelverde
Sciara
Scillato
Sclafani Bagni
Roccapalumba
Termini Imerese