La ballata dell?amore infedele


Gonna griffata pendant con la maglia
Lo sguardo evidenzia la segreta voglia.
Percorre la piazza stillando gli odori
Di donna abbagliante agghindata di ori.

Cattura malizie, cenni eloquenti
Di uomini persi in vaneggiamenti
Snella la forma, folle apparenza
Nulla sostanza, molle presenza.

Fu giovane sposa in balia dei balocchi
Di chi la sedusse tarpandole gli occhi
Fedele al vizio non al consorte
Dona i suoi sensi cedendo alla corte.

Pentita giammai ma tronfia di orgoglio
Frequenta salotti celando l?imbroglio
Stringendo il marito affatto sospetto
Ammicca vogliosa a chi dirimpetto.

Chiaro il suo intento oscurato dal gioco
In cui s?impone l?ardore bieco
Non per denaro né per passione
Ma per il trionfo della trasgressione.

4 Commenti

  1. Eheh!
    La pubblicità è occulta, così come l’identità della fedifraga, che, badiben, è esclusivamente parto della mia fantasia, diciamo, perversa.
    Comunque, non si sa mai, magari la gonna griffata esce allo “scoperto”.
    Non ti farebbe piacere conoscerla caro amico mio?

  2. E’ già una canzone che registrerò a breve. Qualche amico ha anche avuto modo di ascoltarla a gennaio a “Spazio Scena” e sabato scorso al Parco delle Rimembranze.
    Per dirla tutta, “la ballata dell’amore infedele” è anche un dipinto di Pino Pollara, lui leggendo il testo l’ha immaginata, se siete curiosi di incontrarla basta andare al Romitaggio.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.