La Castelbuonese non va oltre il pareggio nel recupero contro il Messina

[MADONIEPRESS.IT – Rosario Cusimano] Granata subito in vantaggio ma la gioia dura poco

Castelbuonese-Città di Messina 1-1

 

Castelbuonese:Ilardi, Prestigiacomo, Sorrentino, Megna, Maggio, Balistreri, Mercanti (76’ Pergolizzi), Li Castri, Totaro, Elamraoui, Antista. All. Mutolo.

Città di Messina: Trovato.R, Iovine, Fleri, Munafò, Fodale, Fragapane, La Rocca (60’ Calogero), D’Arrigo, Matera (87’ Ghartey), Trovato.S (76’ D’Angelo), Costa. All. D’Andrea

Arbitro: Fabrizio Ramondino di Palermo, assistenti Michele Ciappa e Denise Salute di Caltanissetta

Reti:17’ Totaro, 30’ Costa

Note:ammoniti Fodale e Calogero

Finisce in parità il recupero della nona di giornata di ritorno tra una Castelbuonese sottotono e un Città di Messina in grande spolvero, reduce da quattro successi consecutivi e lontano parente della squadra che aveva impressionato in negativo nella prima parte di stagione. Succede tutto nella prima frazione di gioco. Inizio di gara tambureggiante e padroni di casa in vantaggio al 17’ con il solito Totaro, che sfonda per via centrali e trafigge Trovato con una violenta sassata centrale di controbalzo. Gli ospiti, dal canto loro, non stanno a guardare e provano a rimettere in piedi la gara al 25’ con un colpo di testa di Fodale che termina di poco a lato. È il preludio alla rete del pareggio che arriva puntuale al minuto 30’. Straordinaria azione solitaria di Costa che supera un paio di avversari in dribbling prima di pescare il jolly dalla distanza che si infila sotto il “sette”. Sul finire del tempo Antista si libera bene ma il suo tiro debole è facile preda del portiere ospite. Poche le emozioni da segnalare nella ripresa, ad eccezione di una bella conclusione dal limite di Costa e di una serie di mischie nell’area messinese, prima del triplice fischio del direttore di gara che pone fine alle ostilità. Un pareggio tutto sommato giusto che rallenta la marcia della Castelbuonese nelle zone alte della classifica e rilancia ancor di più le ambizioni di salvezza di un ottimo Città di Messina.

IL MIGLIORE: Totaro della Castelbuonese. Realizza un gol da bomber di razza ed è soprattutto dalle sue progressioni che nascono i principali pericoli per la retroguardia ospite.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.