La Gelmini taglia le Madonie. ?Scuole sottodimensionate?

[LAVOCEWEB] Saranno ancora pi? drastici i tagli all?istruzione sulle Madonie il prossimo anno. Rispetto all?anno scolastico 2010/2011, che volge ormai al termine, per il 2011/2012 la scure della Gelmini sar? ancora pi? affilata. E cos? gli istituti comprensivi di San Mauro Castelverde, Petralia Sottana e Geraci Siculo saranno accorpati ad altri istituti, perch? secondo l?illogica politca della razionalizzazione avendo meno di 300 alunni rientrano tra gli istituti sottodimensionati e, pertanto, perderanno la loro autonomia.

Gi? nei giorni scorsi l?assessore regionale al ramo, Centorrino, ha dato il via all?iter dei tagli. A saltare per primi saranno i dirigenti scolastici seguiti dai segretari e dai collaboratori scolastici in pi? di 30 istituti comprensivi dell?Isola.

Se fino ad oggi gli istituti pi? piccoli come quelli delle Madonie erano riusciti a mantenere la loro autonomia, ci? ? stato possibile in forza di una deroga dovuta alla legge regionale n?6 del 2000 che consentiva ai comuni montani, soprattutto a quelli in condizioni di isolamento, la costituzione di istituti comprensivi anche con un numero inferiore ai 300 alunni. Ma adesso, con il duo Gelmini-Tremonti in cattedra di politica economica, l?assessore Centorrino ha dovuto rivedere il tutto e, con l?ultima circolare ha pure previsto un tavolo tecnico per quei casi particolari tra la Regione, i dirigenti scolastici e i sindaci dei comuni che saranno colpiti dalla nuova scure governativa., tenendo conto anche degli accorpamenti all?interno di ogni provincia e, cosa non meno importante, delle condizioni socio-economiche di un determinato territorio come pure dei collegamenti tra i diversi centri.

Ora, se si considera il caso ? ma solo per fare un esempio ? dell?istituto comprensivo Leonarda di San Mauro Castelverde, che ? anche uno dei pi? piccoli della provincia di Palermo, peraltro in un comune montano che soffre certo isolamento geografico, oltre che le pessime condizioni di viabilit?, va da s? che qualsiasi accorpamento non sarebbe razionalmente comprensibile. Cosa questa della quale si ? accorto lo stesso vice sindaco Giovanni Nicolosi il quale ha detto che qualora l?istituto Leonarda fosse accorpato ad altro istituto, ?rischierebbe di incorrere in una ulteriore emarginazione?. Cosa questa che la comunit? madonita non si pu? permettere dal momento che ne andrebbe della crescita culturale ed economica degli stessi giovani che rappresentano il futuro anche sulle Madonie.

Giovanni Nicolosi , come cittadino e come rappresentante dell?esecutivo di San Mauro, tiene a precisare che l?amministrazione di cui ? il vicesindaco nei prossimi giorni chieder? a Centorrino, insieme agli altri sindaci dei comuni interessati, un tavolo tecnico per discutere la possibilit? del prolungamento della deroga della legge regionale n?6 del 2000 per i prossimi due anni.
25.05.2011
Riccardo Gervasi