La lettera di Padre Santino ai castelbuonesi

Carissimi Castelbuonesi,
il 07 Luglio ultimo scorso, vi scrivevo di difficoltà cardiache che mi impedivano i servizi religiosi e il normale ritmo di vita. Vi scrivo oggi per dirvi che, dopo le cure, e un particolare intervento nel reparto cardiologia di Cefalù, ho riacquistato un discreto stato di salute. Mi è ora possibile riprendere una vita abbastanza serena e svolgere l’essenziale degli impegni di parroco.

Certo dovrò tenere conto dei limiti che conseguono e perciò monitorare energie e dosare movimenti. Voglio esprimere lode e gratitudine al Signore che << affanna e consola>>secondo i misericordiosi e provvidenti suoi disegni. Ho sentito la protezione della Madre Santissima del Signore e la presenza della Madre Sant’ Anna. Mi sono recato in pellegrinaggio riconoscente nella sua cappella del Castello. Ed ora dico grazie a tutti voi “cara comunità castelbuonese”. Mi avete fatto percepire tanto affetto e vicinanza. Anche e un po’ di più, dico grazie a chi da lontano ha voluto farmi giungere il suo pensiero amico. Grazie ai cardiologi e medici che mi hanno seguito e assistito con sollecitudine e professionalità. Ora voglio affidarvi da parroco e uomo di Dio una riflessione che mi ha accompagnato e tengo presente. Altri con questi disturbi il Signore li ha chiamati a sé: io sono stato per ora lasciato. Cosa si attende da me, in questi giorni che mi ha prolungato? Sicuramente amarlo e servirlo nella missione a cui mi ha chiamato, or sono, 50 anni che ora svolgo con voi e per voi.
Davanti alla Comunità di Castelbuono prometto a Lui di spendermi ogni giorno nella preghiera, nel Vangelo, nella carità.
Auguro alle famiglie pace, Provvidenza, salute, Benedicendo tutti di Cuore
Padre Santino

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.